menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Intesa Sanpaolo punta sui produttori vitivinicoli con finanziamenti che garantiscono la ripresa post Covid

Il progetto lanciato da Intesa Sanpaolo si rivolge ai produttori di vini nobili e si basa sul principio del “pegno rotativo”. I finanziamenti della Banca saranno garantiti dalle scorte in cantina

Una soluzione finanziaria per sostenere il settore vitivinicolo: le potenzialità per superare il difficile momento ci sono, proprio per questo Intesa Sanpaolo ha messo a punto un progetto nazionale per sostenere i produttori vitivinicoli d’eccellenza.

L’iniziativa trae impulso dal Decreto “Cura Italia” e si avvale della collaborazione di Federdoc e di Valoritalia che certificherà presenza in cantina e qualità del vino. Intesa Sanpaolo crede sugli ampi margini di ripresa post Covid del settore vitivinicolo e si rivolge ai produttori d’eccellenza del vino made in Italy, a  tutte le circa 400 DOC e DOCG che vorranno collaborare con la Banca.

Come funziona

Il progetto lanciato da Intesa Sanpaolo si rivolge ai produttori di vini nobili e si basa sul principio del “pegno rotativo”. I finanziamenti della Banca saranno garantiti dalle scorte in cantina.

L'azienda vitivinicola può dare in garanzia alla banca il proprio prodotto, che è in fase di affinamento e che tiene nelle proprie cantine, per ottenere nuove linee di credito. In questo modo mette in circolo il valore del vino che si sta affinando e dà valore alla sua produzione.

Le aziende possono così smobilizzare il prezioso patrimonio custodito in cantina, che diventerà commercializzabile solo a distanza di anni.

"Crediamo fermamente nelle capacità dei nostri produttori - spiega Andrea Lecce, capo della Direzione Sales & Marketing Privati e Aziende Retail - e nella qualità dei nostri vini nobili. Ecco perché abbiamo colto l’opportunità offerta dalle novità normative rafforzandola tramite la collaborazione con gli Organismi di Controllo, rendendo così possibile dare a garanzia il vino pur mantenendone il pieno possesso in azienda”.

Il pegno rotativo - conclude Riccardo Ricci Curbastro, Presidente di Federdoc - ha fatto sì che consorzi, istituzioni e banche collaborassero per la reale ripresa economica italiana. Questo strumento si è rivelato fondamentale per donare respiro al nostro comparto, duramente colpito dalla pandemia, mostrando che l’impegno profuso in questi anni per l’unità della filiera vitivinicola italiana ha dato i frutti sperati”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Utenze

Canone Rai: come richiedere l'esenzione per l'anno 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Veicoli Commerciali

    Mezzi pesanti: regole e limiti di velocità

  • Scuola

    Metodo di studio: i consigli per memorizzare in poco tempo

Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento