Sabato, 19 Giugno 2021
social

Il friulano Alessandro De Marchi ottiene la maglia rosa del Giro d'Italia 2021

L'orgoglio italiano, o per meglio dire friulano, con tenacia e determinazione e con un tempo totale di 13 ore 50'44", ha conquistato la testa della classifica e la tanto sognata maglia rosa, classificandosi al secondo posto

Il 34enne di Buja Alessandro De Marchi è da martedì il nuovo leader della classifica generale del Giro d’Italia. Il friulano, soprannominato "Il Rosso di Buja", ha ottenuto la maglia rosa imponendosi l'11 maggio, nella quarta tappa del Giro, lunga 187 chilometri da Piacenza a Sestola in provincia di Modena, corsa sotto la pioggia con il braccialetto per Giulio Regeni.

L'orgoglio italiano, o per meglio dire friulano, con tenacia e determinazione e con un tempo totale di 13 ore 50'44", ha conquistato la testa della classifica e la tanto sognata maglia classificandosi al secondo posto dietro all’americano Joe Dombrowski. Alessandro De Marchi è un ciclista su strada e pistard italiano che corre per il team Israel Start-Up Nation. Professionista dal 2011, con caratteristiche di passista-scalatore, in carriera ha vinto tre tappe alla Vuelta a España.

Carriera

Alessandro inizia a correre per il Team Bibanese e per il Cycling Team Friuli, per poi essere messo sotto contratto nel 2010 dalla Androni Giocattoli-Venezuela come stagista. Nel 2011 passa ufficialmente al team italiano, con cui vince la cronometro a squadre della Settimana Internazionale di Coppi e Bartali 2011, e i titoli nazionali di inseguimento a squadre 2010, 2011 e 2012 e il titolo di inseguimento individuale nel 2010.

Nel 2013 passa alla Cannondale. Nello stesso anno vince l'ultima tappa del Critérium du Dauphiné 2013, la Sisteron-Risoul dove riesce, dopo un'azione da lontano, a staccare tutti gli altri compagni di fuga, scattando nella salita finale e arrivando da solo al traguardo.

Al Tour de France 2014, vince per due volte consecutive il numero rosso della combattività (nella 13ª e nella 14ª tappa), aggiudicandosi poi il Premio della Combattività, assegnato al più combattivo di tutto il Tour. Un mese dopo, alla Vuelta a España 2014, vince la settima tappa, arrivando in solitaria al traguardo di Alcaudete, dopo aver staccato i suoi tre compagni di fuga.

Nel 2015 è ancora protagonista alla Vuelta a España 2015 dove conquista la quattordicesima tappa precedendo sull'ultima ascesa i suoi compagni di fuga.
Torna al successo nel 2018 alla Vuelta a España imponendosi nell'undicesima tappa, arrivando in solitaria sul traguardo di Luintra dopo aver staccato tutti i compagni di fuga. Si impone poi nella stessa stagione anche al Giro dell'Emilia grazie a un'altra azione in solitaria, festeggiando a braccia alzate sul traguardo in cima alla salita di San Luca. Nel 2021, al termine della quarta tappa del Giro d'Italia, (la Piacenza-Sestola), chiusa in seconda posizione, ottiene la prima maglia rosa della carriera.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il friulano Alessandro De Marchi ottiene la maglia rosa del Giro d'Italia 2021

TriestePrima è in caricamento