Una star dei social: ecco il gatto dagli occhi bicolore

Un dolcissimo felino, di razza orientale, che è diventato la star dei social in pochissimo tempo grazie ai suoi particolarissimi occhi bicolore: ecco lo sguardo unico di Olive

Foto : Caters

Che i gatti sono animali dal fascino particolare è cosa nota, ma Olive, una gatta di 4 anni che vive nel Derbyshire in Gran Bretagna, è assolutamente una meraviglia unica. Un felino, di razza orientale, dalle accentuate orecchie a punta e dal candido pelo bianco, è infatti diventato la star dei social in pochissimo tempo grazie ai suoi particolarissimi occhi bicolore: metà azzurro e metà marroni. I due colori all'interno della stessa iride sono talmente rari che la gatta ha subito suscitato un notevole interesse.

Un difetto genetico

Con un personalissimo profilo Instagram dove conta già milioni di followers (Odd Eyed Olive) Olive è diventata una vera e propria star. I suoi occhi crescendo sono cambiati e nel tempo hanno mostrato la loro rarità. Come si legge su today.it e The Epoch Times, si tratta in realtà di un raro difetto genetico: la Sectoral Heterochromia iridis, un'anomalia che può colpire in particolare i gatti bianchi a causa dei loro bassi livelli di melanina.

La sua padrona, Kim, ha raccontato che per completare la famiglia composta da altri tre gatti, ha acquistato Olive tramite un sito internet, quando era ancora cucciola. Ma la sua particolare caratteristica allora non si notava ancora, è stato quando la gatta è cresciuta che il suo sguardo è cambiato affascinando tutti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg in zona gialla fino a venerdì poi la stretta: possibili nuovi parametri, rischio rosso

  • Cadono in moto in galleria San Vito: grave il passeggero

  • Possibile stato d'emergenza fino ad aprile, e intanto il Fvg rischia la zona rossa

  • "Stop asporto dalle 18 nei bar e regioni ‘chiuse’ in zona gialla", Speranza presenta il nuovo Dpcm

  • Zona arancione da domenica in Friuli Venezia Giulia

  • Avviata la distribuzione gratuita di saturimetri in farmacia: chi ne ha diritto

Torna su
TriestePrima è in caricamento