rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Percorsi e luoghi da non perdere

Gite di primavera: natura, animali ed esperienze mozzafiato in Friuli Venezia Giulia

Dalle attività in montagna a quelle del mare, il Friuli Venezia Giulia è il luogo adatto in cui dedicarsi alle esperienze tra natura e animali, nel magico mondo delle grotte, tra gli itinerari della storia o sui pedali. La primavera è il periodo migliore in cui godersi il primo sole e la bellezza del nostro territorio, ecco alcune idee

Divertenti, immersive, stimolanti, tra relax e natura. Chi vuole trascorrere qualche ora in famiglia alla scoperta del nostro territorio ha tantissime possibilità di scelta. Sono moltissime le proposte, destinazioni sempre più apprezzate da chi viaggia con i bambini, ma non solo. Dalle attività in montagna a quelle del mare, il Friuli Venezia Giulia è il luogo adatto in cui dedicarsi alle esperienze family, tra natura e animali, nel magico mondo delle grotte, tra gli itinerari della storia o sui pedali, lungo i percorsi adatti anche ai piccoli ciclisti. La primavera è il periodo migliore in cui godersi il primo sole e la bellezza del territorio, ecco, dunque, alcune idee.

Le meraviglie della natura

La cicogna bianca, l'ibis eremita e i cavalli tarpan: all'Oasi delle cicogne di Fagagna si può osservare l’habitat di queste specie, un paradiso naturale e verdissimo in cui potersi avvicinare agli animali e dove al progetto di reintroduzione della cicogna bianca si affianca la salvaguardia dell'Ibis e dei cavalli selvatici, ormai in fase di estinzione. In questo luogo speciale le cicogne bianche volano verso i loro nidi e all’Oasi delle cicogne si possono trovare 200 dei 500 esemplari del mondo (visite guidate su prenotazione, aperti solo domenica e festivi dalle 10 alle 18 da Pasqua a fine ottobre, il 25 aprile è in programma la Festa dell’oasi con tanta animazione per i bambini). 

Imperdibile anche la family experience alla riserva naturale del Lago di Cornino. Sempre in mezzo alla natura, nella Casa delle Farfalle di Bordano volano libere più di cento specie nelle tre grandi serre che riproducono gli habitat della giungla africana, la foresta del Sudest asiatico e l’Amazzonia, un tesoro da preservare per la biodiversità, mentre il Giardino Botanico Carsiana a Sgonico è il luogo giusto per una piacevole passeggiata ammirando l’intero paesaggio carsico, dall’arida landa, ai campi solcati, fino alla frescura di una dolina con degli stagni ed è disponibile anche una divertente cartoguida per bambini. Bellissimi anche i Laghi di Fusine o la natura che sboccia a Tarvisio e sul Monte Lussari in primavera. Per chi ama il mare, oltre al nostro spelndido golfo, da non dimenticare, infine, le splendide lagune come quella di MaranoGrado.

Tour tra i siti Unesco del Friuli Venezia Giulia

Le grotte

Il mondo sotterraneo tra grotte e miniere non avrà più segreti per gli esploratori, un luogo misterioso e affascinante in cui perdersi tra stalattiti, stalagmiti e meraviglie nascoste sottoterra. Il geoparco del Carso, un patrimonio geologico unico, ospita la Grotta Gigante, grotta turistica a sala unica più grande al mondo, e la grotta Torri di Slivia, altra meraviglia del Carso triestino da raggiungere a bordo di un trattore (agribus) fino alla porta segreta nel bosco che nasconde l'ingresso della grotta, per poi proseguire a piedi sempre accompagnati dalla guida.

Spostandosi in Carnia, la Miniera di Cludinico, adatta agli avventurieri più grandi, consente di percorrere il dedalo di gallerie in cui si possono identificare le vene di carbone e capire le varie fasi del processo estrattivo, mentre tra le Prealpi Giulie imperdibile il Parco Geominerario Miniera di Cave del Predil con la miniera di Raibl - Cave del Predil, per secoli una delle più importanti miniere europee di piombo e zinco, si può visitare percorrendo parte delle gallerie a piedi o a bordo di un trenino elettrico.

Lunghe passeggiate

La primavera, con il risveglio della natura, è poi la stagione ideale per dedicarsi alle passeggiate, scegliendo alcuni sentieri speciali come quelli tematici: zaino in spalla e voglia di addentrarsi in mezzo alla natura sono gli ingredienti necessari per partire da Preone, piccolo paesino delle Alpi Carniche, alla scoperta di favole e fossili. Il sentiero sulle favole di Preone ospita alcune installazioni che racchiudono illustrazioni ispirate ai personaggi delle storie popolari di Preone, lungo quello dei fossili, nel geoparco delle Alpi Carniche, sono stati ritrovati tantissimi vegetali, pesci, crostacei e persino una specie di rettile volante tra le più antiche al mondo.

Se vogliamo rimanere più vicini alla nostra bella Trieste, non può mancare una bella passeggiata in Val Rosandra o sul sentiero Rilke dove sarà possibile ammirare la costiera e le meravigliose falesie di Duino.

Le osmize

E per chi alla scoperta della natura vuole unire il buon cibo, immancabile una sosta o un bel weekend in osmiza. Il Carso triestino è un territorio ricco di storia e tradizione: un altopiano in cui le bellezze della natura incontrano quelle di antiche usanze. Tra le tante tradizioni, famosa l’abitudine locale di "andar per frasche", cioè cercare le osmize, uno dei migliori modi per passare una giornata immersi in natura e per conoscere nel profondo le antiche tradizioni del luogo in allegria e in compagnia di amici o parenti degustando ottimo vino locale e prodotti nostrani.

Andare in osmiza è un'esperienza da non perdere. Si tratta di una vendita diretta, dal produttore al consumatore, dove è possibile gustare ottimi prodotti del luogo travolti da un'atmosfera particolare e inconfondibile. Le osmize, diffuse in tutta la provincia di Trieste e in misura minore sul litorale sloveno, sono una vera e propria istituzione. Verrete accolti in ambienti rustici e campagnoli, allestiti con semplici panche e tavoli in legno immersi nell'affascinante verde dei vigneti. Qui tutte le informazioni utili sulle aperture.

Sentieri nascosti, attività ludiche, prodotti a km 0 e tradizioni millenarie: come vivere il Carso

In bici

La bella stagione è anche il momento appropriato per salire sui pedali e per alcune biciclettate e in Friuli Venezia Giulia gli appassionati non rimarranno delusi con circa una trentina di percorsi family selezionati anche per i più piccoli, tra ciclovie, anelli e percorsi e divisi per fascia d'età, consultabili online al sito www.turismofvg.it/it/bike/family.

Storia e cultura

Per i più curiosi e per chi vuole unire a una giornata in famiglia anche l’aspetto culturale, al Museo Archeologico Nazionale di Aquileia, il nuovo activity book prevede un kit di esplorazione del museo, con tanto di mappa e diario per immergersi nella visita. Adatti ai bambini anche alcuni percorsi storici della Grande Guerra, come il museo Dolina del XV Bersaglieri Monte Sei Busi, quello all’aperto del Monte San Michele e San Martino del Carso, il percorso storico del Monte Brestovec, il parco tematico della Grande Guerra di Monfalcone e della Grande Guerra Abschnitt Saisera.

Per i più grandi (dai 14 anni in su), invece, il ciclo di appuntamenti “A passeggio nel '900 con i personaggi storici” incontra celebri personaggi del ‘900 con le camminate teatralizzate di Radio Magica in compagnia di da una guida ufficiale del Friuli Venezia Giulia: ad esempio, l’11 maggio al castello di Duino saranno personaggi e atmosfere di un castello sul mare a guidare i partecipanti, per ripercorrere la storia del territorio, del maniero e dei suoi residenti con la Principessa Marie Thurn-Taxis, amica del poeta Rilke.

Imperdibili, infine, il nostro meraviglioso Castello di Miramare e il panorama mozzafiato da ammirare dal Santuario di Monte Grisa

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gite di primavera: natura, animali ed esperienze mozzafiato in Friuli Venezia Giulia

TriestePrima è in caricamento