rotate-mobile
La scoperta

Scoperta una nuova stella che non somiglia a nulla di conosciuto: il mistero

La scoperta è stata fatta nel corso di una campagna di mappatura delle fonti radio osservabili nell'Universo guidata dall'astrofisica Natasha Hurley-Walker della Curtis University

La più potente fonte di onde radio osservabile nel cielo per mesi, ma la sua natura rimane ancora un mistero. Come leggiamo su Today.it, i ricercatori della Curtin University, in Australia, e dello Shanghai Astronomical Observatory hanno scoperto dei potentissimi getti di energia emessi da un oggetto molto luminoso che dista appena 4mila anni luce dalla Terra. Questi getti si ripetono con intervalli molto più prolungati di qualunque altro evento astronomico già conosciuto. Le caratteristiche osservate fin ora - spiegano gli scopritori in uno studio appena pubblicato su Nature - farebbero pensare ad un corpo celeste conosciuto come “ultra-long period magnetar”, la cui esistenza fino ad oggi era stata prevista però solamente a livello teorico. 

La scoperta è stata fatta nel corso di una campagna di mappatura delle fonti radio osservabili nell'Universo guidata dall'astrofisica Natasha Hurley-Walker della Curtis University. “L'oggetto appariva e scompariva nel giro di poche ore durante le nostre osservazioni. Si tratta di qualcosa di completamente inaspettato - racconta Hurley-Walker - è stato un po' inquietante per noi astronomi, perché nessun oggetto noto nel cielo si comporta in questo modo. È anche veramente vicino alla Terra, ad appena 4mila anni luce di distanza”. 

Come spiega l'astrofisica, i dati raccolti fino ad ora hanno permesso di stabilire che deve avere dimensioni inferiori a quelle del nostro Sole, e che emetteva onde radio estremamente polarizzate, un particolare che lascia immaginare che sia dotato di un campo magnetico estremamente potente. Eventi astronomici di questo tipo, che appaiono e scompaiono nel cielo, vengono definiti dagli astrofisici transienti.

Per approfondire la notizia vai alla fonte su Today.it.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scoperta una nuova stella che non somiglia a nulla di conosciuto: il mistero

TriestePrima è in caricamento