social

"L'Europa che vorrei": l'evento che racconta di partecipazione attiva, ambiente e innovazione sul territorio

Appuntamento lunedì 12 aprile alle ore 15 con l'interessante evento "L'Europa che vorrei" organizzato nell'ambito della convenzione con la Commissione europea con l'obiettivo di raccontare e divulgare buone pratiche di partecipazione attiva, ambiente e innovazione digitale

Post europedirect.comune.trieste.it

I Centri di informazione Europe Direct Trieste e Europe Direct Pordenone presentano l'evento organizzato nell'ambito della convenzione con la Commissione europea "L'Europa che vorrei", un'interessante iniziativa che si svolgerà online lunedì 12 aprile alle ore 15 utile a fare una serie di riflessioni in vista della Conferenza sul Futuro dell'Europa prevista a maggio 2021. Per partecipare occorre iscriversi (qui il link diretto).

L'evento

Gratuito e aperto a tutti, l'evento ha come obiettivo quello di raccontare e divulgare buone pratiche nell'ambito della partecipazione attiva, dell'ambiente e dell'innovazione digitale, nate da progettualità europee sul territorio. Ad aprire l'incontro sarà Lorenzo Giorgi, Assessore alla Comunicazione e ai Progetti europei del Comune di Trieste. Inoltre è prevista la partecipazione di Alessandro Giordani, Capo Dipartimento della Rete Europe Direct - Direzione Generale Comunicazione della Commissione europea - che anticiperà gli obiettivi e la modalità di partecipazione alla Conferenza sul Futuro dell'Europa, evento che aprirà un confronto tra le istituzioni europee, i governi e i cittadini sui temi che oggi sono al centro dello sviluppo dell’Unione europea e del suo futuro.

Proprio nel 2009 la Commissione europea ha lanciato l’idea di una Conferenza sul Futuro dell’Europa con l'obiettivo di creare un dibattito comune tra le istituzioni europee, i governi nazionali e i cittadini/e che possa costruire il futuro e lo sviluppo dell'Unione.

"Oggi, mentre stiamo affrontando la pandemia di Covid-19, incrementa più che mai la necessità di sviluppare un senso di solidarietà europea per affrontare le sfide comuni. Per farlo c’è bisogno di creare uno spazio in cui ognuno possa far sentire la propria voce, sia messo nella condizione di poter far parte del processo democratico, circondato da persone con cui condivide un territorio, una nazione e un continente" si legge sul dito di Europe Direct Trieste.

I due centri di informazione europea si sono rivolti ad esperti del settore che, grazie alle conoscenze e azioni messe in pratica nel loro lavoro, potranno testimoniare quanto viene svolto nelle realtà regionale e locale dei Comuni di Trieste e Pordenone. Qui il programma.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"L'Europa che vorrei": l'evento che racconta di partecipazione attiva, ambiente e innovazione sul territorio

TriestePrima è in caricamento