La storia della comunità greco-ortodossa di Trieste e la chiesa di San Nicolò

Le origini della comunità greca a Trieste risalgono al 1714, quando il primo mercante greco si stabilì da Nauplia nella città portuale di Trieste. Nel 1782 fu ufficialmente fondata la comunità greco-ortodossa, che nel 1784 iniziò a costruire la propria chiesa sul lungomare

A Trieste, significativo punto d'incontro di diverse culture, alla fine del XVIII secolo, venne costituita la Comunità Greco-Orientale. Traccia importante di questo avvenimento fu, senz'altro, la fondazione della chiesa greco-ortodossa della città, a Piazza Niccolò Tommaseo, che risale alla prima metà del Settecento. Il tempio, dedicato a San Nicolò e alla Santissima Trinità, fu eretto sulle rive poiché a quei tempi Trieste era un florido emporio e al porto approdavano ogni anno migliaia di battelli. Inoltre, San Nicolò è il patrono dei marinai, degli armatori e di tutti coloro in generale lavorano con i traffici del mare. La chiesa, costruita in forma di basilica a navata unica, fu aperta ufficialmente il 18 febbraio 1787.

La storia

Le origini della comunità greca a Trieste risalgono al 1714, quando il primo mercante greco Liberale Baseo si stabilì da Nauplia nella città portuale di Trieste. Furono la dichiarazione di Trieste come porto franco nel 1719 e l'atteggiamento volutamente tollerante degli Asburgo nei confronti di altre religioni e nazioni che resero questa città attraente per i mercanti greci. Nicolò Mainti, giunto da Zante nel 1734, fondò a Trieste una comunità ortodossa intorno al 1750, la maggior parte dei cui membri erano greco-ortodossi, ma una percentuale minore erano illirici ortodossi (oggi chiamati serbi-ortodossi). Nel 1782 fu ufficialmente fondata la comunità greco-ortodossa, che nel 1784 iniziò a costruire la propria chiesa sul lungomare del Porto Vecchio. I lavori di costruzione furono completati nel 1795, ad eccezione della facciata esterna. Nello stesso anno, l'inaugurazione ufficiale ebbe luogo alla presenza del governatore di Trieste Pompeo de Brigido, e la chiesa venne consacrata a San Nicolò e alla Santissima Trinità. 

Trieste ebraica, la storia del ghetto e la nascita della Sinagoga

La struttura

La chiesa, a pianta regolare, è realizzata in stile impero nella struttura generale e in stile barocco nella decorazione. Essa è suddivisa in tre spazi liturgici:

  • il presbiterio a tre piccole absidi;

  • la navata;

  • le due balconate per il gineceo ed il coro.

La magnifica iconostasi divide il presbiterio riservato ai celebranti dalla navata a cui accedono i fedeli. La navata con pavimento di marmo a riquadri bianchi e neri è ingentilita da scanni lungo le pareti. Al centro, tra grandi candelabri affiancano l’icona di San Nicolò. La grande tela raffigurante Cristo in gloria circondato da angeli ricopre tutto il soffitto piano ed è ricca di effetti prospettici con balaustre e scorci di architettura in stile classico. Nelle finestre troviamo, invece, immagini degli Evangelisti e degli Apostoli. Sulle pareti laterali due grandi quadri del piranese Cesare dell’Acqua raffiguranti a sinistra la Predicazione di Giovanni Battista, e a destra Cristo tra i fanciulli; invece il quadro sopra la porta di destra raffigura la Filoxenia, ovvero L’ospitalità di Abramo verso gli angeli, ed è attribuibile alla stessa mano della tela del soffitto. Appena entrati, la caratteristica che subito si nota è sicuramente l’iconostasi lignea splendente di intagli dorati e pitture, pure a fondo oro; sopra i battenti delle tre porte sono raffigurati i Santi Pietro e Paolo ed altri Padri della Chiesa. Ci sono poi nella parte superiore 21 dipinti a tempera su tavola con fondo oro, che raffigurano scene evangeliche. Nella parte inferiore ci sono 8 icone con copertura d’argento, San Nicola, la Madonna in Trono, il Cristo Re, la SS. Trinità, San Spiridione, la Madonna con Bambino, San Giovanni il Precursore; ai due lati le icone di San Giorgio e quella di Santa Caterina d’Alessandria. Più avanti si può ammirare la splendida tela che raffigura l’episodio biblico noto come “L’Ospitalità di Abramo”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Test Invalsi obbligatori per superiori e medie, ecco le date e i contenuti delle prove

  • Errore tecnico dell’Inps nel calcolo delle pensioni di dicembre e gennaio: ecco cosa fare

  • Fondo milanese si "disfa" delle sue proprietà, venduti 1300 metri quadrati alle Torri

  • ​Impermeabilizzazioni edili, come rendere il terrazzo sicuro e resistente senza spendere troppo

  • Chiude il "Caffè dei libri": il tribunale dichiara il fallimento

  • “Era il ‘Bronx’, oggi è un gioiello” l'evoluzione di borgo San Sergio per i residenti (FOTO)

Torna su
TriestePrima è in caricamento