rotate-mobile
Giovedì, 9 Febbraio 2023
Tradizioni

Trieste festeggia il Santo Patrono: la leggenda di San Giusto

Storie e leggende non mancano di certo a Trieste. In occasione della festività vi raccontiamo oggi la leggenda di San Giusto, Santo Patrono della città

Giusto è stato un martire cristiano, venerato come santo dalla Chiesa cattolica. Visse sotto gli imperatori Diocleziano e Massimiano a Trieste. Il Martirologio romano fissa il ricordo di san Giusto il 2 novembre; poiché lo stesso giorno ricorre la Commemorazione dei defunti, a Trieste la solennità viene invece posticipata al giorno successivo, il 3 novembre. San Giusto subì il martirio il 2 novembre dell’anno 303, durante la persecuzione di Diocleziano, ed è oggi il patrono principale della città e della Diocesi di Trieste. In occasione della festività vi raccontiamo la sua antica leggenda.

La leggenda di San Giusto

Un uomo di fede che viveva ad Aquileia in epoca romana durante il regno di Diocleziano e Massenzio: comincia così la storia di San Giusto. Secondo la leggenda, San Giusto fu un soldato romano convertitosi al cristianesimo nonostante l'imposizione delle pratiche religiose tradizionali romane dell'imperatore Diocleziano. Quando venne scoperto, fu perseguito. 

Quando il governatore romano locale Mannaccio diede l’ordine ai cittadini di testimoniare la propria fede agli imperatori romani rinnegando quella nel cristianesimo, Giusto si rifiutò e venne catturato e imprigionato. Nonostante la prigione e le torture a cui fu sottoposto, non rinnegò la sua fede e venne allora condannato a morte.

Per punirlo lo legarono e lo imbarcarono su una barca dal fondo bucato lasciandolo in balia del mare. La barca affondò ma si narra che, non appena il corpo del santo toccò il fondo, le corde si sciolsero ed il suo corpo venne ritrovato su quella che è ancora oggi la riva Grumula. Da quel momento a Trieste fu considerato il Santo Patrono a cui fu dedicata la grande chiesa che ancora oggi ammiriamo.

Trieste sacra, la Cattedrale di San Giusto

Un po' di storia

Il Martyrologium Hieronymianum (il più antico catalogo di martiri cristiani della Chiesa latina) riporta il giorno (ma non l'anno) della morte e attesta la devozione al santo in varie località dell'Africa. La passio (narrazione del processo e della morte), preservata in vari manoscritti medievali, data il martirio con precisione al 2 novembre ma per quanto riguarda l'anno i dati non sono univoci. L'ipotesi più probabile è che il martirio sia avvenuto nel 303, durante l'ultima persecuzione di Diocleziano e Massimiano.

Giusto, noto a Trieste per le sue opere ed elemosine, fu denunciato di empietà da alcuni suoi concittadini. Come si legge sul sito ufficiale della Diocesi di Trieste, secondo la passio, Mannacio, governatore di Trieste, fece arrestare Giusto e lo fece chiudere in carcere in quanto quest'ultimo si dichiarò cristiano senza alcun timore e si rifiutò di sacrificare agli dei. Appena Mannacio fu certo che Giusto non avrebbe mai rinnegato la propria fede, lo condannò alla pena capitale e ordinò che fosse annegato in mare. I soldati gli legarono mani e piedi con una fune, alla quale vennero assicurati dei pesi di piombo e lo portarono verso la riva del mare. Lo fecero salire su una barca e lo portarono al largo, poi lo gettarono in acqua: grazie ai pesi di piombo, il corpo non sarebbe più emerso. Ma, prima del tramonto, il corpo di Giusto fu miracolosamente trasportato sulla riva dalla corrente.

La tradizione triestina conservò memoria del luogo del martirio: le acque del golfo di Trieste al largo dell'odierno promontorio di Sant'Andrea. Il corpo di Giusto, inspiegabilmente sciolto dalle corde e dai pesi di cui era stato gravato, fu portato dalle onde sull'odierna Riva Grumula.

Durante la notte Sebastiano, un presbitero, ebbe una visione: il martire lo invitava ad andare sulla spiaggia per recuperare il suo corpo e dargli così degna sepoltura. Sebastiano si alzò subito e insieme ai fedeli radunati andarono a cercare sulla spiaggia il corpo di Giusto. Trovatolo, lo seppellirono di nascosto nel cimitero che si trovava non lontano dalla spiaggia. Nel V secolo la comunità cristiana di Trieste edificò una basilica martiriale, i cui resti sono ancora visibili oggi nella così chiamata “basilica paleocristiana” di via Madonna del Mare. Già nel X secolo le reliquie di san Giusto furono traslate sul colle di San Giusto, sede della cattedrale a lui intitolata.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trieste festeggia il Santo Patrono: la leggenda di San Giusto

TriestePrima è in caricamento