Code sterminate davanti ad una libreria in Francia prima del lockdown, la foto è virale

La cultura non va in quarantena e nemmeno il coronavirus può fermarla: è il caso della libreria Furet du Nord in Francia, dove una lunga fila di clienti si è presentata per acquistare un libro prima dell'imminente lockdown

Foto occhionotizie.it

Una pandemia che sta scuotendo il mondo intero quella del Covid-19, ed anche la vicina Francia, dove a causa della seconda ondata e l'allarmante aumento dei contagi, è stato imposto un nuovo lockdown.

Ma la cultura non va in quarantena e nemmeno il coronavirus può fermarla. Immagini e scenari ormai noti sono quelle delle lunghe file davanti ai supermercati e il conseguente approvvigionamento per paura di non poter più uscire di casa e rimanere senza i viveri necessari. Ma a diventare singolare questa volta non è questa solita scena, bensì una foto, diventata subito virale sui social, che dimostra come i francesi non possano rinunciare, nonostante tutto, alla lettura di un buon libro. La foto, postata su Facebook dall'editore Stephen Carrière, ritrae infatti le lunghe code davanti le librerie prima dell'imminente chiusura. 

Alcune librerie hanno registrato le stesse interminabili file di clienti che eravamo abituati a vedere davanti ai supermercati. Come si legge su Mashable Italia, in particolare, è stato il caso della libreria Furet du Nord nella Grand-Place di Lille dove, prima della chiusura generale avvenuta lo scorso 30 ottobre, una coda di lettori lunga fino al centro della piazza si è messa in fila in attesa di acquistare quei beni necessari per sopravvivere alle prossime settimane di isolamento domestico: non scorte alimentari, ma libri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Covid, morire a 45 anni: il pizzaiolo Abbas lascia cinque figli e la moglie

  • Dinner cancelling: come funziona la dieta seguita da Fiorello per dimagrire

  • Trovata morta in mare a Grignano: aveva 62 anni

  • Caffè, asporto e consumo su suolo pubblico: i chiarimenti sull'ordinanza

  • Il Wi-Fi in casa è pericoloso per la salute: l'Iss fa chiarezza

Torna su
TriestePrima è in caricamento