rotate-mobile
Concerto gratuito / Duino-Aurisina

Il venerdì sera si balla rock con le band dell'underground triestino

Al Villaggio del Pescatore si esibiranno in concerto, ogni venerdì, artisti e band musicali dell'underground triestino. Sono in calendario le esibizioni live che ripropongono dal vivo classici del rock, pop e blues. L'ingresso è gratuito

Il cantiere nautico Marina Timavo propone per l'estate 2022 una novità assoluta: un ricco programma di concerti con artisti e band musicali dell'underground locale. Sotto l’insegna “Marina in Rock” 2022 sono diversi gli eventi che allieteranno le piacevoli serate d'estate fino al 29 luglio 2022. Questa sera, venerdì 1 luglio, sarà la volta di Lorenzo Ballarin, si proseguirà poi ogni venerdì del mese con i seguenti appuntamenti:

  • 8 luglio B’m’B Band - cover band - artisti vari;
  • 15 luglio Backspritz Boys;
  • 22 luglio Emozioni per sempre - cover band Lucio Battisti;
  • 29 luglio I Cavalieri dell’Ontario - cover band New Trolls.

Al Villaggio del Pescatore si esibiranno in concerto, ogni venerdì, artisti e band musicali dell'underground triestino. Sono in calendario le esibizioni live che ripropongono dal vivo classici del rock, pop e blues, è il caso del cantante veneziano Lorenzo Ballarin (apparso per un decennio in importanti trasmissioni televisive della Rai), la cover band dei B’m’B Band, la Party band Backspritz Boys, e le tribute band di Lucio Battisti Emozioni per sempre e dei new Troll, i Cavalieri dell’Ontario.

Il programma di oggi 1 luglio

La stagione musicale alla Canociada proseguirà quindi questa sera con Lorenzo Ballarin, cantante di origine veneziana che con la sua estensione vocale può interpretare qualsiasi genere musicale: rock, pop, funky, melodico, classico, latino e dance. Vanta un'approfondita conoscenza della canzone napoletana e dei classici italiani e internazionali.

Lorenzo Ballarin nasce a Venezia e già in giovane età entra nel mondo dello spettacolo artistico e musicale che lo porterà a suonare nelle più belle località turistiche Italiane, Cortina d'Ampezzo, Capri e la Costa Smeralada e non solo (Montecarlo, Parigi e Mosca).  Nel 1985 arriva a Roma e dopo un periodo trascorso nei migliori locali della Capitale entra in Rai dove rimane per 10 anni e canta in molte trasmissioni televisive di successo (I Fatti Vostri, Scommettiamo che, Domenica In, Carramba che sorpresa). Nel 2001 esce il suo primo singolo (Un cante gitano) seguito da Dove sei. Nel 2002 esce il suo album Mi sono innamorato. Nel 2014, dopo essersi esibito per 7 anni nei più bei locali di Mosca, rientra in Italia per continuare a seguire la sua grande passione: “iI canto”.

L'ingresso al concerto è gratuito (per un massimo di 200 persone). Prenotazioni allo 040 209868. Questo il programma completo:

  • alle ore 18.30 apertura chioschi con birra, calamari e canoce;
  • alle ore re 21.00 inizio concerto;
  • alle ore 23.00 apertura chiosco con le palacinke della buonanotte.

Per prenotazione tavoli: tel. 040 209868.

Gli artisti dei prossimi appuntamenti

I "BackSpritz Boys - The real Party band nascono nel 2018 con l’idea di riproporre i più bei classici della musica rock e pop italiana e straniera in chiave punk rock, cercando di aggiungere un’impronta personale nei ri-arrangiamenti. Divertimento e goliardia sono gli ingredienti principale dei loro show.

I Cavalieri dell'Ontario sono un gruppo che nasce con l'idea di eseguire le canzoni dei New Trolls non come band, ma come tributo ai brani stessi. Il concerto si sviluppa con una serie di musiche che passano dal pop al progressive rock, a pezzi solo per chitarra e voci. Il suono principale è costituito dalle tastiere di Giuliano Pieliz e dalle chitarre dI Roby Germani, ex Taxus Media, che già nei anni '80 proponevano concerti comprendenti le canzoni dei New Trolls, ai quali si è aggiunto il batterista Maurizio Macchia, dalla voce estremamente potente che si avvicina alle frequenze di Nico Di Palo, Il concerto inizia con un inedito: "Siamo contenti di essere ancora qui con voi: incontrarci ogni volta è un emozione forte...".

Emozioni per sempre è una band composta da sette musicisti di Trieste, tutti di grossa esperienza musicale “live" maturata suonando per decenni in importanti gruppi locali. La  loro caratteristica unica è la capacità di riproporre, durante i concerti, le magiche atmosfere create da Mogol e Battisti, senza mai stravolgere l'originale con arrangiamenti inadeguati. Emozioni che affiorano quando i cantanti Enrico Bianco e Maria Musti, interpretando i brani con capacità e sentimento, uniscono band e pubblico in un unico e potente coro sulle note suonate da Francesco Castagnaro (tastiere), Gianni Pirioni (chitarra), Alessandro Pillepich (chitarra), Dario Bolsi (basso) e Franco Saccari (batteria).

Il Progetto B’m’B nasce il 6 gennaio 1998 dall’unione di due cantautori (Marco Grandis e Paolo Piani), entrambi vocalist e chitarristi con già una propria esperienza alle spalle e un album di inediti a testa (“Come un sogno vero” di Marco e “La donna di Shanghai” di Paolo) con il duplice obiettivo di proseguire nell’attività di produzione e proposta del duo anche come cover band per eventi pubblici e privati. Mentre le esibizioni live cover iniziano subito (e non si interromperanno mai), sul fronte delle produzioni proprie il successo arriva l’anno successivo, con le costanti vittorie nelle diverse fasi del concorso nazionale “Gran Premio della canzone italiana - IX trofeo Città di Roma” e il podio di vincitori alla finalissima del 14 ottobre 2000 con il singolo “Un’altra musica” che anticipa il primo album “Noi siamo Noi”, dieci inediti tra i quali il brano che dà il titolo all’opera, che viene successivamente tradotto e riarrangiato per il mercato spagnolo. “Un’altra musica” viene inserito anche nel cd legato al 2002 Futurshow di Bologna del 2002. Nel corso del successivo 51° Festival di Sanremo, al quale il duo viene invitato agli eventi musicali legati alla manifestazione, vengono notati dal cantautore Fabio Concato, che successivamente avrà modo di analizzare la loro opera; nel quinquennio successivo collaborano con Flavio Paulin, ex cantante dei Cugini di Campagna e autore dell’immortale “Anima mia”.
Con il progressivo affinamento e crescita musicale, la B’m’B si arricchisce di nuovi membri, inizialmente con la graffiante voce e presenza scenica di Elisa Lubiana e successivamente con l’inserimento delle tastiere di Paolo Loi, della batteria e percussioni di “Frankie” Radislovich e la potenza del basso di Adriano Loi. Anche il prezioso affiancamento di Lory Del Rosso impreziosisce per un periodo con una voce femminile l’operatività della band nella sua anima cover. Lo stile soft-rock, con non infrequenti incursioni nel funky, nel progressive e nella dance, e la ricercatezza dei testi, che raccontano una storia specifica in ogni brano, viene riproposto dalla B’m’B anche nella produzione di pezzi scritti per il mercato dialettale della loro zona di origine, giuliana: la costruzione di testi in triestino, bisiacco e muggesano su musiche tutt’altro che popolari frutta infatti alla band diversi podi e premi della critica nei rispettivi Festival nel corso del primo ventennio del nuovo Millennio (premio della critica ai brani “Cara... mai!” e “Barcolana”, che viene suonata più volte live dalla band nel corso della Barcolana come inno, podio per “In bizicleta”, “Mascherina” e “Mar de Muja”).

Diversi gli eventi ai quali la B’m’B presta voce e musica: la band è in prima linea per festeggiare i 90 anni della Triestina Calcio, evento per il quale compone il singolo “Varda l’Alabarda” che funge da inno alla manifestazione, per rappresentare la vita di Nereo Rocco con un video musicale che accompagna l’inedito “Chi ga conossù el Paron”; per ricordare la storia della dominazione veneta nel Goriziano attraverso gli aneddoti legati a Selz (il brano “Viva el Gal” viene composto ed eseguito assieme al Coro “R. M. Rilke”) e per la celebrazione d’onore alla carriera del cantautore Lorenzo Pilat (“Le piere del Carso”). Non infrequenti sono anche le collaborazioni con società e radio private nell’animazione di eventi e serate.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il venerdì sera si balla rock con le band dell'underground triestino

TriestePrima è in caricamento