social

Sasso sfonda parabrezza di un'auto: "si tratta forse di un meteorite"

Ancora nessuna certezza, ma i residenti vogliono vederci chiaro, ecco perché hanno richiesto l'analisi ad un esperto. Secondo loro, infatti, la roccia è molto simile ad alcuni meteoriti caduti negli Stati Uniti

Uno strano episodio è recentemente accaduto poco lontano da qui: esattamente in provincia di Padova. Sabato scorso un grosso sasso dalle sfumature rosse ha sfondato il parabrezza di un'auto, secondo gli abitanti di quella zona si tratta di un meteorite.

Ancora nessuna certezza, ma i residenti vogliono vederci chiaro, ecco perché hanno richiesto l'analisi ad un esperto. Secondo loro, infatti, la roccia è molto simile ad alcuni meteoriti caduti negli Stati Uniti.

Meteoriti e impatto con la Terra

Il meteorite è ciò che rimane dopo l'ablazione atmosferica di un "piccolo" asteroide entrato in collisione con la Terra, ovvero ciò che di esso raggiunge il suolo.

La maggior parte dei meteoriti si disintegrano in aria, e l'impatto con la superficie terrestre è raro. Ogni anno si stima che il numero di rocce che cadono sulla Terra delle dimensioni di una palla da baseball o più si aggiri sulle 500. Di queste ne vengono mediamente recuperate solo 5 o 6; gran parte delle rimanenti cadono negli oceani o comunque in zone in cui il terreno rende difficile il loro recupero.

I meteoriti, recuperati subito dopo essere stati osservati nell'attraversamento dell'atmosfera o nell'impatto sulla superficie terrestre, vengono chiamati "caduti". Tutte gli altri sono noti come "ritrovati". A tutt'oggi sono oltre 1.000 i meteoriti caduti presenti nelle maggiori collezioni mondiali, mentre sono ormai oltre 31.000 quelli ritrovati.

Aspetto

A seconda che si tratti di un meteorite ferroso o roccioso diverse caratteristiche possono cambiare, ma normalmente tutti i meteoriti caduti da non troppo tempo mostrano una crosta di fusione scura e possono presentare sulla superficie piccole cavità chiamate regmagliti, simili alle impronte lasciate dalle dita sulla creta fresca, dovute all'ablazione selettiva dell'atmosfera che vaporizza più facilmente minerali a più bassa temperatura di fusione. La forma non è mai sferica. Quelli rocciosi risultano significativamente più pesanti rispetto alle rocce comuni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sasso sfonda parabrezza di un'auto: "si tratta forse di un meteorite"

TriestePrima è in caricamento