Domenica, 19 Settembre 2021
social

Mostra “Leonor Fini. Memorie triestine”: un laboratorio di fumetto e uno di disegno per giovani e adulti

Per ciascun laboratorio il numero massimo di partecipanti è di sei persone, la visita guidata è invece aperta a tutti senza limiti di presenze. Appuntamento sabato 21 agosto al polo museale del Magazzino 26 in Porto Vecchio

Foto Giovanni Aiello

Sabato 21 agosto dalle 10.30 alle 13 avrà luogo un laboratorio di fumetto per bambini (9 -14 anni) e dalle 17.30 alle 20 un laboratorio di disegno per adulti con Paola Ramella, disegnatrice e fumettista triestina di fama internazionale e titolare della Scuola Zerocinque. I laboratori, organizzati nell’ambito della mostra “Leonor Fini. Memorie triestine”, sono ambedue ispirati alla grande pittrice di origine triestina e saranno preceduti da una visita guidata tenuta da Marianna Accerboni, curatrice della mostra, con inizio rispettivamente alle ore 10 e 16.30 al polo museale del Magazzino 26 in Porto Vecchio.

Per ciascun laboratorio il numero massimo di partecipanti è di sei persone, la visita guidata è invece aperta a tutti senza limiti di presenze (per info e prenotazioni 335 6750946).

I laboratori

Il laboratorio di storie a fumetti per bambini, intitolato “Dai personaggi di Leonor al fumetto” prenderà avvio, traendo ispirazione dai personaggi misteriosi e fantastici di Leonor Fini, che i bambini incontreranno nelle opere esposte in mostra.

Il laboratorio di disegno per adulti si occuperà invece del “ritratto psicologico”, prendendo sempre spunto dalle opere in mostra. Il materiale sarà fornito dal laboratorio, ma ognuno può portare anche il proprio.

Il concorso ”Il più bel gatto del mondo”

Nell’ambito della rassegna - realizzata in coorganizzazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Trieste, il sostegno, tra gli altri, delle Fondazioni CRTrieste e Kathleen Foreman Casali e il media partenariato del nostro giornale - è stato inoltre ideato il concorso ”Il più bel gatto del mondo”, aperto ai bambini dai 6 ai 12 anni e ispirato alla grande passione di Leonor Fini per questo felino, principale motivo ispiratore della sua arte e protagonista della sua vita privata. I piccoli artisti potranno ispirarsi in mostra, dove la figura del gatto è molto presente, e creare le loro opere nello spazio espositivo, seguiti dalla curatrice, oppure a casa (per info 335 6750946).

La mostra

La mostra è realizzata in coorganizzazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Trieste, in collaborazione con Biblioteca Statale Isontina di Gorizia, Assessorato alla Cultura del Comune di Laveno-Mombello (Varese), MIDeC-Museo Internazionale del Design Ceramico di Laveno-Mombello, con la media partnership del quotidiano Il Piccolo e con il sostegno delle Fondazioni CRTrieste e Kathleen Foreman Casali, Associazione Giuliani nel Mondo, Studio Luce Sime Vignuda Gruppo Comet, Ciaccio Arte Big Broker Insurance Group, Milano, Rotary Club Trieste Alto Adriatico, Azienda Agricola Zidarich (Prepotto, Duino Aurisina, Trieste), Sponza Tappezzeria Trieste, Andromeda, Ottica Dambrosi Trieste, Flowers Gorizia, Laboratorio cornici Asso di Quadri, Plexi & Star.

Per maggiori informazioni vai alla fonte (Comune di Trieste).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mostra “Leonor Fini. Memorie triestine”: un laboratorio di fumetto e uno di disegno per giovani e adulti

TriestePrima è in caricamento