rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Da non perdere / Barriera Vecchia - Città Vecchia / Largo Papa Giovanni XXIII

Mostra “Piero Marussig”: era triestina la sua musa ispiratrice

Tra i capolavori esposti al Civico Museo Sartorio anche alcuni ritratti della moglie, Katarina Drenik: ecco la storia sconosciuta della musa ispiratrice, modella e artista di Piero Marussig

Continuano le visite guidate alla mostra “Piero Marussig. Camera con vista su Trieste”. Tra i capolavori esposti al Civico Museo Sartorio (Largo Papa Giovanni XXIII), anche alcuni ritratti della moglie, Katarina Drenik, musa ispiratrice e modella, che sposò l’artista nel 1903 e insieme a lui si trasferì a Roma. Non molti sanno però che Rina (così era conosciuta a Trieste, città nella quale nacque nel 1897 e vi trascorse la giovinezza) aveva studiato scultura e che una sua opera in bronzo, Busto del duca d’Aosta, è custodita al sacrario di Redipuglia.

Poco si sa del suo apprendistato come scultrice, dove avesse studiato, chi fossero i suoi maestri” - afferma la storica dell’arte Federica Luser, ideatrice del progetto, a conclusione della prima serie di visite guidate di grande successo. “Si ipotizza che potesse essere stato il triestino Ruggero Rovan, amico del marito, presente a Roma negli stessi anni, anche se non vi è conferma, se non nei ricordi di una loro lontana parente. Testimonianza del loro rapporto” - spiega Federica Luser - “sono con certezza alcune sculture di Rovan come Ritratto di Rina Marussig, un busto in gesso del 1905 di cui esiste un’immagine nell’archivio del Civico Museo Revoltella, una placchetta sempre in gesso con il suo profilo e il gruppo Il bacio (Civico Museo Revoltella), che per anni si trovava nella villa di Chiadino, dimora triestina dei Marussig, a testimoniare come proprio la coppia avrebbe posato per l’opera”.

La mostra

Promossa dal Comune di Trieste - Assessorato alle politiche della cultura e del turismo, la mostra “Piero Marussig. Camera con vista su Trieste” è curata dalle storiche dell’arte Alessandra Tiddia, curatore e conservatore al Mart-Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto, e Lorenza Resciniti, conservatore del Civico Museo Sartorio di Trieste.

Ingresso libero fino al 9 ottobre, con orario da giovedì a domenica, dalle 10.00 alle 17.00 e fino alle 21.00 in occasione degli spettacoli di Trieste Estate 2022.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mostra “Piero Marussig”: era triestina la sua musa ispiratrice

TriestePrima è in caricamento