rotate-mobile
Da non perdere

Due imperdibili mostre trasformano il cuore di Trieste in una magnifica galleria d'arte

Domani, al Double Tree by Hilton Hotel, verrà inaugurata la rassegna fotografica espositiva personale di Marco Brazzach "Passeggiata con Pessoa". Altra imperdibile mostra quella di Laura Cirmi "Camere Siciliane", visitabile fino al 31 luglio presso Eppinger Caffè. L'ingresso è libero

Al via due imperdibili mostre a cura de Le vie delle foto nel cuore della città. Domani, mercoledì 6 luglio 2022, alle ore 18.00 al Double Tree by Hilton Hotel di Trieste, alla presenza dell'autore, verrà inaugurata la rassegna fotografica espositiva personale di Marco Brazzach "Passeggiata con Pessoa". La mostra, a cura de Le Vie delle Foto, sarà visitabile fino al 18 luglio.

L'inaugurazione sarà impreziosita da una performance canora di Aida Turganbayeva accompagnata al pianoforte da Blagica Arsova. "Passeggiata con Pessoa" è il racconto di una passeggiata per Lisbona accompagnata dalle descrizioni di Fernando Pessoa, poeta, scrittore e aforista portoghese. Un viaggio nel tempo e nei luoghi da lui tanto amati, alla scoperta di momenti che rimangono sempre attuali. 

La mostra sarà visitabile tutti i giorni dalle ore 16.00 alle ore 23.00 fino al 18 luglio - per info e prenotazioni: leviedellefoto@gmail.com - e verrà ospitata all'interno dell’esclusivo bar storico dell’hotel, l’elegante Berlam Coffee Tea & Cocktail, dove gli ospiti potranno godersi la suggestiva atmosfera novecentesca, sorseggiare un drink e ammirare gli scatti di Marco Brazzach.

La  curatrice delle mostre al DoubleTree by Hilton è Linda Simeone, imprenditrice triestina ideatrice de Le vie delle foto, manifestazione nata nel 2011 che da undici anni trasforma il centro di Trieste, con i suoi esercizi pubblici e locali storici, in un’enorme mostra fotografica. Grazie a Le Vie delle foto - format di successo che ogni anno rende Trieste la città della fotografia - i locali pubblici e gli spazi urbani di Trieste si trasformano infatti in un’unica, gigantesca galleria nella quale fotografi, professionisti e non, provenienti da tutta Italia e dal resto del mondo, possono esporre i propri scatti e che quest'anno, a fine evento, vedrà la pubblicazione di un ricco catalogo fotografico.

"Sono orgogliosa - commenta la curatrice, Linda Simeone - di far parte dello staff di una struttura così prestigiosa e unica per la preziosità delle sue sale e delle opere racchiuse in questo scrigno che così bene racchiude e rappresenta il meglio dell'arte e dell'architettura triestina del Novecento".

"La fotografia - rivela l'autore Marco Brazzach - è per me lo strumento che rende eternamente vivo e attuale un istante che altrimenti sfumerebbe. Attraverso gli scatti voglio rendere omaggio alle bellezze naturali e architettoniche affiancandovi quelle persone che, inconsapevolmente, contribuiscono a renderle vive: fotografare è lasciare una traccia delle emozioni che quel paesaggio, quell’architettura e quella persona mi hanno trasmesso, è raccontarvi chi sono in un’immagine in cui non mi vedete".

Camere Siciliane di Laura Cirmi

Altra imperdibile mostra fotografica sempre a cura de Le vie delle foto è quella di Laura Cirmi "Camere Siciliane", visitabile fino al 31 luglio 2022 presso Eppinger Caffè in via Dante 2B a Trieste. L'ingresso è libero. La mostra fotografica personale rimarrà allestita per tutto il mese di luglio. Ogni angolo, ogni strada, ogni persona incontrata in Sicilia, ogni pietra è un racconto e i racconti sono come “camere” che si schiudono all’occhio di chi guarda; e quelle “camere” sono spiragli di vita che invitano a fermarsi, a guardarci dentro, per scoprire o anche solo per percepire le loro storie, vite, emozioni.

A curare la mostra è, anche in questo caso, Linda Simeone. Per prenotare una visita guidata è possibile inviare una mail a: leviedellefoto@gmail.com.

Laura Cirmi, nata nel 1977, vive e lavora a Roma. Laureata in Scienze Politiche, lavora attualmente nella Pubblica Amministrazione. Nella vita quotidiana cerca fonti di ispirazione che possano farla calare nel bello, quali l’amore per la natura, la cura degli affetti, la musica, i libri e la fotografia. Persone, paesaggi, strade, luci, sguardi, pensieri attraggono la sua attenzione, a volte senza un perché. Cerca ispirazione nella semplicità delle cose, forse perché in quella semplicità ritrova qualcosa di sé.

Foto di Laura Cirmi:

Cirmi 3-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due imperdibili mostre trasformano il cuore di Trieste in una magnifica galleria d'arte

TriestePrima è in caricamento