menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Per il tuo cuore 2016", al via la campagna per uno stile di vita sano

Dall'8 al 14 febbraio 2016 parte la campagna nazionale di sensibilizzazione alle patologie cardiovascolari, promossa dalla Fondazione "Per il Tuo cuore" e l'Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri. Molte le iniziative in programma a Trieste per parlare di prevenzione e le passeggiate di gruppo

La Fondazione "Per il Tuo cuore" insieme con l’Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri (Anmco), lancia dall’8 al 14 febbraio 2016 una campagna nazionale di sensibilizzazione alle patologie cardiovascolari, promuovendo stili di vita sani ed educando all’aderenza terapeutica. A Trieste, il Centro Cardiovascolare dell’Azienda per l’Assistenza Sanitaria n. 1 “Triestina” promuove diverse iniziative per sensibilizzare la popolazione al tema della prevenzione e della salute. Sul portale www.anmco.it sono presenti le informazioni su tutte le iniziative La promozione della salute, pur essendo un concetto teorizzato in varie epoche storiche, è stato codificato nel 1986 dalla Carta di Ottawa ed ancora oggi costituisce un importante quanto attuale documento di riferimento per lo sviluppo di politiche orientate alla salute.

La salute è un bene essenziale per lo sviluppo sociale, economico e personale, ed è aspetto fondamentale della qualità della vita. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità l’aderenza terapeutica è definibile come il grado di effettiva coincidenza tra il comportamento individuale del paziente e le prescrizioni terapeutiche ricevute dal personale sanitario curante. Questo concetto si riferisce tanto alle prescrizioni farmacologiche, che alle indicazioni relative alla dieta ed allo stile di vita. I farmaci che assumiamo da un lato fanno certamente bene, se indicati per la nostra malattia, dall’altro qualche piccolo effetto negativo lo possono provocare. Non c’è dubbio che i farmaci prescritti dal medico vanno assunti con attenzione e puntualità. Ma nessun farmaco è in grado di sostituire gli effetti benefici.

È noto che se una persona adulta di 50-60 anni non fuma, fa attività fisica tutti i giorni, consuma frutta e verdura quotidianamente, si concede solo un bicchiere di vino al giorno, può ridurre di oltre il 50% il suo rischio di rimanere vittima di un infarto o di ammalarsi di diabete o di cancro, ma soprattutto vivrà mediamente 3-5 anni in più in buona salute rispetto a chi non segue queste indicazioni. Purtroppo la sedentarietà è molto diffusa nel nostro paese ed almeno 1/3 delle persone adulte non fa nessuna attività fisica. Trieste si muove un po’ di più ma non ancora abbastanza. La sedentarietà rappresenta uno dei più importanti fattori predittivi di mortalità nella popolazione generale apparentemente sana. L’eliminazione di un fattore di rischio come la sedentarietà può portare ad una riduzione delle malattie cardiovascolari del 15-39%, di ictus del 33%, del cancro del colon del 18% e delle fratture secondarie ad osteoporosi del 18%.

Fare attività fisica leggera o moderata aiuta a controllare i fattori di rischio cardiovascolare e metabolico e previene lo sviluppo e la progressione delle patologie croniche invalidanti. L’esercizio costante contrasta gli effetti negativi dell’invecchiamento e favorisce il generale benessere psicofisico. Ma cosa significa fare attività fisica aerobica leggera o moderata? Significa camminare, correre, andare in bicicletta, fare ginnastica ad una intensità che ci permetta di non superare circa il 70-75% della frequenza massima cardiaca teorica (calcolabile facilmente sottraendo l’età del soggetto a 220). Per fare un esempio la frequenza cardiaca massima teorica in una persona, maschio o femmina, di 60 anni è 160 battiti per minuto (220 - età). In generale è consigliabile che questa persona, quando fa esercizio, non superi la frequenza di 110-120 battiti per minuto, corrispondente al 70-75% di 160 battiti per minuto.

Da lunedì 8 febbraio al 13 febbraio saranno distribuiti degli opuscoli informativi sull’iniziativa e sulle patologie cardiovascolari presso gli ambulatori cardiologici, i distretti sanitari e gli sportelli Cup dell’Azienda Ospedaliera “Ospedali Riuniti” di Trieste e dell’AAS1 Triestina. Giovedì 11 febbraio dalle 16.00 alle 18.00 si terrà Trieste in Movimento: l'ncontro con la cittadinanza al Caffè San Marco di via Battisti 18 per parlare di prevenzione cardiovascolare assieme alle istituzioni e alle associazioni sportive e di volontariato che promuovono uno stile di vita attivo. Sarà presentato il calendario delle attività organizzate da febbraio a giugno 2016 per l’iniziativa Cammina Per il Tuo Cuore che propone semplici ma salutari passeggiate, non impegnative e in gruppo. Sabato 13 febbraio ritrovo ore 10.00 presso il Piazzale 11 Settembre di Barcola per dare il via alle 10.30 alla prima della serie di passeggiate Cammina Per il Tuo Cuore 2016, che si svolge in collaborazione con il Comune di Trieste, e con la partecipazione delle società sportive e di volontariato. Il percorso è di 5,5 km, la partecipazione è libera. Ai primi 200 partecipanti sarà consegnato alla partenza un gadget celebrativo dell’evento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Brodo brustolà", antica ricetta della tradizione contadina triestina

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Report Iss, Riccardi: "In Fvg dati da zona gialla"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento