Una gita a...Trieste: luoghi imperdibili

Città dal fascino mitteleuropeo, ricca di storia e bellezza naturale, sta vivendo una rinascita turistica. Sempre più apprezzata dai forestieri e molto amata dai suoi cittadini, Trieste riserva sorprese dietro ogni angolo

Se vi capita di passare per Trieste o se decidete di organizzare un weekend in questa magnifica città ci sono senz’altro luoghi che è impossibile noni visitare. L’atmosfera che respirerete una volta arrivati difficilmente vi lascerà indifferenti. Trieste è una città magica dall’aria sofisticata e aristocratica che di tanto in tanto può risultare “addormentata” come definita da alcuni. Ma la verità è che di dormiente non vi è nulla, semplicemente lei piace così.

La prima cosa che vi conquisterà è la famosa Piazza Unità d’Italia, nota per essere una delle piazze più grandi con diretto affaccio sul mare. Circondata da palazzi in stile austroungarico, da visitare di giorno per godere a pieno della bellezza, sorseggiando un caffè in uno dei tanti locali che la circondano, di sera per lasciarsi incantare dal suo fascino notturno. Le luci che la illuminano creano un atmosfera magica con il mare in sottofondo.

A due passi da Piazza Unità, andando verso il mare, merita incamminarsi lungo il Molo Audace, così chiamato dal cacciatorpediniere che vi attraccò per la prima volta alla fine della prima Guerra Mondiale. 246 metri di lunghezza che portano il visitatore lontano abbastanza per poter osservare la piazza da una punto di vista completamente diverso.

E’ la volta di una visita al Castello di Miramare, la residenza costruita da Massimiliano d’Asburgo per vivere con la consorte Carlotta del Belgio durante l’Impero Asburgico. Il castello è circondato da un parco immenso, ricco di specie protette di animali, soprattutto uccelli e una vasta infinità di alberi e piante. Il mare che lo circonda è riserva naturale del parco il colore cristallino delle acque risalta subito agli occhi.

La passeggiata per arrivare al Castello di Miramare è il così chiamato lungomare di Barcola, consigliabile il percorrerne almeno un lungo tratto per camminare a due passi dal mare e godere della bellezza del Golfo di Trieste. Se si è fortunati e la giornata è particolarmente limpida, in lontananza percorrendo le coste con lo sguardo rivolto a sinistra, si potrà vedere la laguna di Grado, mentre se rivolto verso le coste della non lontana Slovenia, si incontrerà a un certo punto il faro di Pirano.

Ritornando verso il centro, e lasciando il mare alle nostre spalle, ci si addentra per le vie del centro storico fino ad arrivare in Cittavecchia. C’è una piccola differenza tra centro storico e città vecchia (per i triestini “citavecia”) ma essendo tutto molto vicino sarebbe un peccato non visitarle tutte e due. Città vecchia è la parte esattamente dietro la grande piazza, raggiungibile da più parti, tra i percorsi più rappresentativi, i portici del Municipio o il famoso Passo della Portizza. E’ caratterizzata da vie strette, ricche di rigattieri, negozietti e ristorantini, particolarmente viva anche la sera grazie alla presenza di alcuni del locali più storici della tradizione triestina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Non trovo personale che venga a lavorare", anche a Trieste imprenditori in crisi

  • Rive, scampata tragedia nella notte: finisce in mare con la 500 e si salva da sola

  • Rivalutazione pensioni 2020, al via l'aumento degli importi

  • Far west in strada per Opicina, fugge all'alcoltest e aggredisce un carabiniere: arrestato

  • Colpisce due auto e si cappotta: un ferito a Cattinara

  • Ridotto sul lastrico dopo la separazione: sempre più padri "rovinati" dagli alimenti

Torna su
TriestePrima è in caricamento