social

Pignolo: le migliori etichette in commercio secondo Slow Food

Avete mai provato il Pignolo? Ecco un breve elenco di aziende friulane che producono etichette interessanti, tutte recensite in Slow Wine 2021

Colore rosso rubino intenso, profumo fruttato e leggermente speziato, ideale da abbinare a gustosi piatti di carne: il Pignolo è un vitigno autoctono a bacca nera coltivato in Friuli Venezia Giulia, nato nelle colline di Rosazzo, in provincia di Udine.

Il nome sembra derivi dalla forma dei grappoli molto chiusi, appunto come una pigna. Non si conosce con esattezza l’epoca della comparsa del Pignolo (probabilmente il Seicento). "Questo vitigno, già citato nel ditirambo Bacco in Friuli pubblicato sul finire del XVII secolo dall’abate Giobatta Michieli, era presente nel 1823 nella sezione friulana del Catalogo delle Viti del Regno Veneto, compilato sotto l’amministrazione di Vienna". Agli inizi del Novecento è però vittima di un progressivo disinteresse e solo negli anni Ottanta ha ottenuto il giusto riconoscimento.
 
"Il Pignûl, com’è chiamato in friulano, non ha nulla a che vedere con il Pignola nera e con il Pignola Valtellinese. È rintracciabile, con sempre maggiore frequenza, nei confini della Doc Friuli Colli Orientali, l’unica che - dal 1995, dopo l'iscrizione al Registro Nazionale delle Varietà di Vite del 1977 - contempla la tipologia in purezza. La zona d’elezione può essere circoscritta in quei terreni, composti di marne e arenarie, che si estendono intorno ai paesi di Prepotto, Albana, Rosazzo e Premariacco".

Pignolo: le migliori etichette

E voi lo avete mai provato? Ecco un breve elenco delle aziende che producono etichette interessanti di Pignolo, tutte recensite in Slow Wine 2021, direttamente da slowfood.it.

  • Canus, Corno di Rosazzo (Ud) - FCO Pignolo 2012;
  • Giorgio Colutta - Bandut, Manzano (Ud) - FCO Pignolo 2013;
  • Ermacora, Premariacco (Ud) - FCO Pignolo 2014;
  • Moschioni, Cividale del Friuli (Ud) - FCO Pignolo 2012;
  • Petrucco, Buttrio (Ud) - FCO Pignolo Ronco del Balbo 2015;
  • Ronco delle Betulle, Manzano (Ud) - FCO Pignolo di Rosazzo 2014;
  • Stroppolatini, Cividale del Friuli (Ud) - FCO Pignolo 2013;
  • Valentino Butussi, Corno di Rosazzo (Ud) - FCO Pignolo 2015;
  • Albano Guerra, Torreano (Ud) - FCO Pignolo Matteo I° 2010;
  • Visintini, Corno di Rosazzo (Ud) - FCO Pignolo 2010.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pignolo: le migliori etichette in commercio secondo Slow Food

TriestePrima è in caricamento