social Via di Tor San Pietro, 16

Pole Dancing School: la femminilità passa per la consapevolezza del proprio corpo (FOTO)

Il 15 febbraio in via Tor San Piero 16 apre la Pole Dancing school che vi presenterà la pole dance a 360°

Apre il 15 febbraio una scuola specializzata nelle danze aeree: con 4 metri e mezzo di altezza si potrà "sfidare la gravità" con il cerchio aereo, tessuti aerei, pole dance e tanto altro.
Ci siamo incuriositi e siamo andati a scoprire la pole dance che non è assolutamente la lap dance. La pole è infatti una disciplina sportiva che combina danza e ginnastica. Si basa sull'esecuzione di figure acrobatiche che richiedono notevoli doti di forza, agilità, flessibilità e resistenza


«Personalmente ho comiciato quattro anni fa quando ho visto un campionato americano del 2009. A Trieste non c'era ancora nessuno che la facesse, così io e tre amiche abbiamo cominciato in via del Monte» ci racconta l'insegnante Valentina Limpido che ha portato a Trieste questa disciplina. «Da quattro ragazze con una passione in comune, il numero di appassionate è salito ad ottanta».

La Pole Dancing School è una scuola a tutti gli effetti: si comincia con il livello base e piano piano si cresce. Ci sono  allieve molto varie: dalla bambina di 14 anni alla signora di 56.
«Essendo a tutti gli effetti uno sport, si sviluppa molto il fisico. È importante la parte centrale del corpo: addominali, lombari, dorsali. Ovviamente anche braccia e spalle sono fondamentali. C'è un grande lavoro di preparazione fisica e per ognuno c'è un corso specifico con cui iniziare».
La scuola quindi è aperta proprio a tutti e va incontro a tutte le esigenze. Dai corsi mattutini a quelli serali, sarà possibile organizzare la propria giornata a seconda dei propri impegni. Inoltre sarà possibile scegliere il proprio percorso a seconda delle proprie attitudini: sport, tacchi -sì, tacco 12- e coreografia floorwork.

Ma oltre ad essere una disciplina fisica è soprattutto mentale: «Per me la pole dance è un momento di pace. Entrare in quella stanza mi regala un momento unico. È difficile spiegare a parole. Ovviamente devi essere motivato. In questa disciplina si deve fare fatica –aggiunge Valentina– ma poi, come per ogni cosa, vieni ripagato».

Parte fondamentale è l'aspetto della femminilità: questo sport permette di allenare il proprio corpo aumentando la consapevolezza di se stessi. «Si scopre una femminilità diversa. Siamo prevalentemente donne, tutte svestite a contatto con il proprio corpo ogni giorno. Si riscopre la femminilità soprattutto con i tacchi e con la coreografia perchè si comincia un percorso interiore. Devi abbattere le barriere della società in cui facilmente perdi il contatto con la visione del tuo essere donna legata per lo più al mondo maschile. Mai si scade nel volgare.» Ci spiega meglio: «Sono giudice di gare di pole exotic o sensual che si fanno spesso con i tacchi. È qui che si vede la linea sottile tra l'essere volgare e la meraviglia della bravura. Ogni piccolo gesto è capace di meravigliarti; ogni piccolo movimento è capace di farti restare a bocca aperta. La linea sta nella consapevolezza psicologica».


Il 15 febbraio in via Tor San Piero 16  comincia quindi una nuova avventura per queste meravigliose ragazze. Durante l'inaugurazione tutte le insegnati si esibiranno e, come da tradizione, sarà ospite un'insegnante proveniente da un'altra città.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pole Dancing School: la femminilità passa per la consapevolezza del proprio corpo (FOTO)

TriestePrima è in caricamento