Cucina locale: tre deliziosi modi per preparare i sardoni

Un grande classico della cucina tradizionale triestina: i sardoni sono una varietà di pesce azzurro pescato nel nostro golfo. Impanai o in bianco, i modi di preparare questo squisito piatto sono svariati. Ecco a voi due varianti leggere ma dal sapore unico

Foto d'archivio

Uno dei piatti più amati dai triestini, nutriente e dal sapore unico: i sardoni sono dei pesci simili alle alici/acciughe ma un po' più grandi. Attenzione però: l'importante è che siano barcolani, cioè pescati davanti alla riviera di Barcola. Si tratta di una varietà di pesce azzurro pescato nel nostro golfo e non allevato. Si dice che d’estate si trovino i migliori sardoni, i famosi pasta bianca, dalla carne chiara e delicata.

Un grande classico della cucina tradizionale triestina sono sicuramente i "sardoni impanai" (impanati), una costante di tutti i buffet triestini e un’immancabile delizia sulle tavole di tutte le famiglie. Ma oggi grazie al libro "La cucina triestina" di Maria Stelvio, un antico ricettario risalente al 1927, vogliamo proporvi altri due modi sfiziosi, ma leggeri, di preparare i sardoni.

I sardoni in bianco

Quella dei sardoni in bianco è una ricetta classica, tradizionale ed anche molto leggera. Togliete la testa ai sardoni e disponeteli allineati in una casseruola con un pezzo di cipolla intero, 1 cucchiaio d’aceto (per ogni 250 gr. di pesce), sale, un mazzetto di prezzemolo e uno spicchio d’aglio. Mettete i sardoni su fuoco lento coperti d’acqua; dopo 10 minuti saranno già cotti; levateli dal fuoco e apriteli per levare la spina. Metteteli aperti su di un piatto e fra uno strato e l’altro aggiungete olio, pepe, prezzemolo e aglio tritati.

I sardoni con capperi

Una ricetta leggera ma molto gustosa quella dei sardoni con capperi. Anche in questo caso, togliete le teste e le interiora dei sardoni, lavateli e salateli. Mentre sgocciolano, apriteli e togliete la spina. Al posto di quest'ultima, inserite un cappero. Chiudete i sardoni e disponeteli allineati in un tegame con la schiena sul fondo. A questo punto, riversarvi sopra il succo di 2 limoni per ¾ di kg di pesce, coprire il recipiente e cuocere a fuoco lentissimo per tre quarti d’ora. A cottura terminata rovesciarli su di un piattone e cospargerli di olio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Covid, morire a 45 anni: il pizzaiolo Abbas lascia cinque figli e la moglie

  • Dinner cancelling: come funziona la dieta seguita da Fiorello per dimagrire

  • Trovata morta in mare a Grignano: aveva 62 anni

  • Caffè, asporto e consumo su suolo pubblico: i chiarimenti sull'ordinanza

Torna su
TriestePrima è in caricamento