← Tutte le segnalazioni

Altro

Restrizioni sugli orti famigliari, la segnalazione di un lettore

Scrivo a nome dei tanti piccoli agricoltori dilettanti a livello famigliare che contribuiscono a mantenere ordinato, e quindi al sicuro da incendi, buona parte dell'agro triestino. Pare che in virtù di interpretazioni restrittive, arbitrarie e spesso diverse da altre parti ďItalia, il recarsi nei propri poderi al fine di provvedere alla normale gestione di vigneti, oliveti ed orti sia consentita solo ai cosiddetti "coltivatori diretti", in virtù del fatto che solo queste figure trarrebbero sostentamento dalľ attività agricola.

A parte il fatto che rarissimi sono i casi di chi trova compiuto sostentamento da attività agricole nella nostra provincia (che non è il Friuli), il più delle volte si tratta di realtà mantenute artificialmente a suon di contributi pubblici ma che vedono con fastidio i piccoli agricoltori famigliari quasi fossero dei potenziali concorrenti. Da ciò il sospetto che certe interpretazioni restrittive assunte (non si sa da chi e a quale titolo) possano essere il frutto di pressioni esercitate proprio dalla "corporazione" dei coltivatori diretti. Fabio Tercovich

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Buongiorno, ci sono delle ottime novità. La ministra dell'agricoltura Bellanova, ha annunciato sabato 18 aprile che è consentita la cura e la manutenzione degli orti privati e spostarsi per raggiungerli anche se in comuni diversi da quello di residenza.

  • Assolutamente d'accordo al 100% e non solo per quanto riguarda questo argomento ... ma non aggiungo altro ...

Segnalazioni popolari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento