← Tutte le segnalazioni

Disservizi

I "Signori delle patenti", la segnalazione di una lettrice

I Signori delle patenti. A Trieste nel giro di un anno diventerà rarissimo vedere un ultraottantenne alla guida di un autovettura, in quanto l’iter della CML (Commissione Medica Locale) per il rinnovo delle patenti di guida di via Farneto, si è ulteriormente inasprito dallo scorso settembre, non si sa per quale motivo. Per chi non lo sapesse, la suddetta CML si occupa per la maggior parte di rinnovi di patenti per ultraottantenni, che sono obbligati a presentarsi in tale sede per le pratiche e le visite richieste, prendendo l’appuntamento anche quattro mesi prima della scadenza, per poter rinnovare in tempo prima della data di scadenza della vecchia patente.

In questi mesi si ha il tempo di eseguire le visite cardiologiche, oculistiche (se le fai in sede ti bocciano sicuramente perché hanno la strumentazione obsoleta per eseguire gli esami richiesti), respiratorie e saltuariamente neuropsicologiche, naturalmente tutte a pagamento e a carico del richiedente. Arrivati alla data fatidica della visita in CML se tutto va bene rinnovano la patente, ma se hanno qualche dubbio, fanno fare altri esami esterni (es. la visita neuropsichiatrica), con prenotazioni al Cup, che fanno aspettare anche più di due mesi e nel frattempo non si può guidare, perché la patente scade proprio in quei giorni.

Non è infatti possibile la proroga della guida dopo aver passato la visita della CML (la motorizzazione civile conferma). Quando si porta in sede la nuova documentazione, si aspetta una settimana circa e poi, solo se si chiama, viene comunicato l’esito del riesame. Qualche anno fa era successo un incidente mortale nel quale un pedone fu investito da una vettura che era guidata da una persona che aveva rinnovato la patente qualche giorno prima presso la CML, per cui era finito sotto inchiesta anche il medico che aveva fatto idoneo alla guida l’autista-investitore. Da quella data sembra che i controlli si siano fatti giustamente più rigorosi, è stato sostituito anche il medico incriminato con un altro che, pur di non incorrere nello stesso sbaglio, preferisce bocciare un autista in più, piuttosto che uno in meno, così si scarica da ogni responsabilità.

Dallo scorso settembre però, quasi tutti gli ultraottantenni vengono mandati a fare la visita neuropsicologica obbligatoriamente in una struttura pubblica (non è valida una struttura esterna privata) che si esegue presso il distretto di appartenenza, al fine di valutare il livello di demenza senile raggiunto. Questa sede viene sovraccaricata di visite da eseguire, per cui si prolungano i tempi di attesa (minimo due mesi), e siamo solo agli inizi, poi aumenteranno col tempo, viste le decine di visite mensili scaricate dalla CML presso i distretti, che non sono mai stati attrezzati per una tale mole di lavoro, ma solo per poche visite saltuarie al mese.

La ciliegina sulla torta è avvenuta nella seconda settimana di dicembre, infatti i test neuropsicologici previsti dalla visita, che erano già abbastanza difficili da superare, ora sono aumentati di numero con ulteriori test quasi impossibili da superare, perché li sbaglierebbero forse anche i ventenni. Si può capire che i controlli debbano essere più severi di una volta, ma qui si è passati da zero a mille di botto, basandosi solo su esami cartacei a tavolino, senza vedere come effettivamente guida una persona in pratica, senza controllare se negli anni ha provocato incidenti o meno, senza un po’ di umanità nel rapportarsi con questi anziani, talvolta spiegando in malo modo con aria di sufficienza (qualcuno è anche gentile ma sono eccezioni).

I Signori delle patenti della CML (sembra siano due o tre dottori di via Farneto) decidono poi se sei abile alla guida o meno ed il loro giudizio è insindacabile: ma come è possibile che solo loro possano decidere della tua vita? Sono dei dottori mica dei magistrati!!? Non possono sbagliare anche loro? E se sbagliano chi li controlla? Chi paga? Sempre e comunque il solito tartassato cittadino.

In questo modo hanno lasciato a terra persone anziane che hanno guidato da una vita senza aver mai fatto incidenti, anche persone invalide il cui unico modo di muoversi era l’automobile e che ora si trovano bloccate in casa, in una società che non aiuta perché purtroppo molti servizi sono lontani, la pensione è piccola e non si possono permettere il taxi. Bisogna evitare di provocare gravi danni all’autonomia di soggetti in una civiltà ove l’uso dell’auto definisce grandemente il grado di libertà di un individuo. Sì certo, si potrebbe fare ricorso alla motorizzazione civile, che delega le Ferrovie dello Stato a fare una nuova visita (sempre a carico del richiedente per circa 250 euro), ma che non volendo assumersi la responsabilità, mandano gli interessati all’ospedale Gervasutta di Udine a fare il test Vienna, da cui nessuno ne esce vivo, neanche uno fresco di patente.

Si fa presente inoltre che gli ultraottantenni non si drogano, non si ubriacano fino a raggiungere i limiti del coma etilico e non si possono paragonare minimamente ai giovani, ai neopatentati ed agli extracomunitari, con patente di dubbia provenienza, che provocano sempre più spesso incidenti mortali ed investimenti pedonali, scappando poi per non pagare le conseguenze. Attenzione quindi, carissimi ultraottantenni mettetevi il cuore in pace, non si guiderà più, salvo rarissime eccezioni, tutto grazie ai Signori delle patenti, che decidono della tua vita….. ma lo Stato non dovrebbe vigilare? Si prega di non pubblicare il cognome della scrivente, ma di scrivere solo: Anna

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (12)

  • Penso che e’giusto, vedo nella mia zona anziani che guidano ma che non riescono ne’a salire in macchina e neanche a scendere ,deambulando insicuri. Piu’volte mi son chiesta se i medici preposti non s’accorgano se un anziano ha problemi motori

  • concordo pienamente con la scrittrice , poiche tutti ormai stanno lavorando con un unico metodo .... "pararsi la schiena" non ha piu nessuna importanza quale sia la realtà , la valutazione dei medici o di chi ne ha la responsabilita ,il metodo è ,evita la responsabilita. perche se veramente valutassero come stanno le cose , dovrebbero togliere la patente ai giovani non ai vecchi.... o qualcuno crede che le assicurazioni sono economiche per i vecchi , perche le assicurazioni sono buone? ecc qualsiasi statistica dimostra che la maggior parte degli incidenti e in particolare quelli gravi ,sono causati dai giovani . E non sono poche le volte che gli incidenti sono causati proprio da quelli che hanno appena avuto la patente.... poi e anche vero che comprendo anche i cosi detti signori delle patenti, non sono agevolati , poiche le "buone lingue " terrorizzati dalla vecchiaia , cercano subito un capro espiatorio... e se poi son due , meglio ancora. Detto cio, trovo bellissimo l anziano che monta in auto e va a 20 all ora in completa autonomia con tutta la voglia di muoversi...... spero in un futuro ormai non troppo lontano , di seguire il loro esempio e la loro forza ..... tanto, con un po di pazienza , ci aspettano e ... se non causiamo incidenti , tutti invecchiamo

  • I signori di via Farnetti fanno il bello e il cattivo tempo, perché sanno che nessuno li controlla. Sono solo comprensivi con gli amici, e con gli amici degli amici. Un po e anche colpa nostra, che non reclamiamo, e non ci riuniamo per fare una manifestazione, per far conoscere la situazione, che non e certo confortante per un ultra ottantenne. Svegliamoci e prendiamo provvedimenti. Saluti

  • Giusto fare i controlli ma non essere cosi fiscali oltretutto chi è soggetto a tale visite (più giovane con qualche patologia come il sottoscritto) deve rinnovare la patente ogni due anni con un costo superiore al rinnovo normale). Bisogna tener conto che le persone di una certa età hanno più esperienza di un giovane neo patentato quindi pregherei i signori della commissione di essere più umani con le persone che si sottopongono a tale visita (ovviamente va fatta una selezione soprattutto alla persona che si droga o fa uso di bevande alcooliche).

  • Dovete rassegnarvi, a una certa età è meglio non guidare.

  • Al fatto che gli ultraottantenni non si drogano e non si ubriacano, aggiungerei prima di tutto che non guidano trastullandosi con lo smartphone, causa accertata della maggior parte degli incidenti.

  • I signori delle patenti sono quelli che sono delegati a fare il bello e cattivo tempo, perché non anno nessuno che li controlla, però se si presenta qualcuno dei suoi amici novantenni non la prendono per le lunghe, lo promuovono senza nemmeno visitarlo. Questo grazie al nostro presidente della regione che l'abbiamo votato. Io proporrei di unirci tutti e far valere i nostri diritti, che ne dite ?

  • un grazie ad andrea. caro fabio, magari potessi prendere il taxi, con la pensione minima che ho, non me lo posso permettere, non almeno come vorrei.

  • I Signori delle patenti della CML (sembra siano due o tre dottori di via Farneto) decidono poi se sei abile alla guida o meno ed il loro giudizio è insindacabile: ma come è possibile che solo loro possano decidere della tua vita“ direi che è proprio così ! E non solo della "tua vita" ma anche di quella deglia altri messa in pericolo da persone non idonee alla guida per motivi di età.... Sig.ra Anna B. si rassegni serenamente e prenda il taxi

    • E' di 6 morti e 11 feriti il bilancio di un tragico incidente stradale avvenuto la scorsa notte a Lutago, in Valle Aurina in Alto Adige. Secondo le prime informazioni, verso le ore 1.15 un'auto ha centrato a grande velocità un gruppo di persone che si trovava sul bordo della strada. Le vittime sono tutti giovani cittadini tedeschi fra i 20 ed i 25 anni di età. Ecco qua! Fresco fresco di qualche giorno, questo è quello che viene messo in atto invece da IDONEI 28enni. Le famose vie di mezzo....queste sconosciute.

  • Complimenti a tutti ... Non ci sono parole ... Sono totalmente dalla sua parte signora Anna Benussi

Segnalazioni popolari

Torna su
TriestePrima è in caricamento