← Tutte le segnalazioni

Altro

Parco di Miramare tra desolazione e abbandono: questa sarebbe la tanto sbandierata "Trieste turistica"?

Lo so che sono abbastanza monotematico, ma visto che la mia indole è quella di trattare argomenti che ritengo siano di comune interesse oltre che importanti per il bene della nostra città, vorrei ritornare sull’annoso problema del Castello di Miramare e del suo parco.(parola ora un pò forte per descrivere quello che si vede)

La situazione attuale come visto e letto sulle pagine del nostro quotidiano locale e anche sulle fonti in rete di Trieste Prima, hanno ultimamente evidenziato che lo stato di degrado in cui versa la proprietà di Massimialiano d’Asburgo è più o meno quella di un anno fa.

Le promesse fatte dal sovraintendente durante la visita del ministro Franceschini sono risultate vane, anzi sembra addirittura che la stessa persona invitata dalla Terza Commissione del Comune a dare spiegazioni del perchè tali lavori non erano ancora stati fatti ha sortito un insolita assenza senza spiegazioni.

Ora non voglio neanche pensare alla figura che abbiamo fatto con i turisti durante la splendida manifestazione che si è svolta in questi giorni a Trieste, naturalmente sto parlando della Barcolana, che dal canto suo ha fatto vedere di cosa si è capaci d’ organizzare quando c’è la voglia e la seriatà di farlo.(un grande plauso al Presidente Gialuz)

In uno Stato serio non si può permettere simili cose e visto che Miramare è uno tra i beni più preziosi che abbiamo nella nostra Provincia, (vorrei citare il Castello dei Torre e Tasso che è magistralmente tenuto dalle S.A. il Principe Carlo Alessandro e dalla Principessa Veronique)  invito tutti i Triestini a mobilitare i nostri amministratori locali a farsi seriamente sentire a Roma.(visto che la proprietà dipende direttamete dallo stato)

Chiedo inoltre gentilmente ai deputati triestini Fedriga e Rosato e al senatore Russo, visto la loro elevata posizione all’interno del Governo, d’intercedere verso il ministro Franceschini affinchè intervenga su questa penosa situazione e una volta per tutte decida se la gestione di tale complesso deve rimanere a carico dello Stato o passi al Comune,e comunque che uno dei due enti intervenga su questa situazione in maniera definitiva.(magari con la collaborazione della Casa d’Austria nel nome di S.A.I. Marco d’Asburgo)

Abbiamo potuto toccare con mano su quanti turisti  sono pervenuti a Trieste con manifestazioni fatte bene, cerchiamo con un pò d’orgoglio personale e d’affetto verso questa città di fare in modo di presentarla a tutti quelli che la vorranno visitare nel modo migliore, e questo penso sinceramente che chi lo riuscirà a fare avrà non solo l’ammirazione di tutti i suoi cittadini.(il prossimo anno............)

Concludo con una piccola riflessione su due fatti che non toccano il problema fin quì descritto ma che fanno parte sempre del panorama turistico della nostra città (che sarà, secondo me, una delle due fonti principali di reddito che la città avrà nel prossimo futuro) ed è quella di ripristinare nel minor tempo possibile la Fontana dei Quattro Continenti danneggiata per la seconda volta,( la prima non era ancora stata restaurata) e inoltre visto che la statua di Monsignor Santin verrà posta in maniera definitiva nei pressi della Chiesa di Monte Grisa,(da lui voluta) utilizzare il plinto già fatto in Porto Vecchio per dedicarne una a Maria Teresa d’Austria e cioè “La madre di Trieste” che con la sua benevolenza ha fatto sì che questa città diventi da paese di pescatori a una delle quattro maggiori città dell’Impero, (pensate che allora lottavamo per chi avesse primeggiato tra il nostro porto e quello diAmburgo.....) e la consegna potrebbe avvenire nel 2017 anno della ricorrenza del suo 300°  genetliaco.

Fabricci Paolo

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
TriestePrima è in caricamento