← Tutte le segnalazioni

Altro

"Quando la burocrazia ammazza la ragione" il disagio di un triestino residente fuori città

Sono triestino di nascita, lavoro a Trieste ma da alcuni anni risiedo in un Comune differente, a circa 70 km sempre in Friuli Venezia Giulia, quindi con medesime restrizioni e libertà. A Trieste abitano i miei genitori e i miei figli ventenni. Ho verificato con le forze dell'ordine e, secondo le normative anti pandemia in vigore, nel tragitto casa/lavoro non posso fare alcuna deviazione per poter incontrare i miei cari pur nel massimo rispetto delle prescrizioni (distanza, mascherina, e pure all'aperto in giardino).

Il paradosso è che sia i miei figli che i miei genitori possono, per esempio e senza limitazioni, venire a prendere un caffé con me durante la mia pausa pranzo (!) mentre se mi sposto io per un tragitto di 10 minuti non è consentita la medesima azione. Ulteriore paradosso, è ben più rischioso a fronte del contagio un loro spostamento con i mezzi pubblici (che è permesso) piuttosto che non io vada a casa loro (che è vietato).

Mi troverò quindi costretto a lasciare la macchina a casa e rischiare riutilizzando il treno, l'autobus e le mie gambe come ho fatto sino a marzo scorso, per poter essere libero di passare a casa loro, visto che in questo caso mi fermerei lungo il tragitto casa/lavoro e quindi sarei "perfettamente in regola" pur comportandomi in modo assai più "pericoloso"? Credo di non essere l'unico in questa situazione kafkiana, alcune norme seppur "emergenziali" andrebbero certamente riviste.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
TriestePrima è in caricamento