Settimana del Pianeta Terra 2020: i geoventi in Italia e in Friuli Venezia Giulia

L'ottava edizione della Settimana del Pianeta Terra si svolgerà dal 4 all'11 ottobre 2020 e sarà dedicata alla scoperta delle risorse naturali italiane: montagne e ghiacciai, grandi laghi, fiumi, colline, coste e paesaggi marini, isole, vulcani e non solo

Foto di Giovanni Aiello

Dal 4 all'11 ottobre avrà inizio l'ottava edizione della Settimana del Pianeta Terra. Otto giorni di manifestazioni dedicate alle divulgazione scientifica, attraverso i “Geoeventi”, che animano diverse località sparse su tutto il territorio nazionale: escursioni, passeggiate nei centri urbani e storici, porte aperte ai musei e nei centri di ricerca, visite guidate, esposizioni, laboratori didattici e sperimentali per bambini e ragazzi, attività musicali e artistiche, degustazioni conviviali, conferenze, convegni, workshop, tavole rotonde.

L'ottava edizione della Settimana del Pianeta Terra sarà dedicata alla scoperta delle risorse naturali italiane: montagne e ghiacciai, grandi laghi, fiumi, colline, coste e paesaggi marini, isole, vulcani. L'obiettivo è quello di far appassionare i giovani alla scienza, alle Geoscienze in particolare, e trasmettere l'entusiasmo per la ricerca e la scoperta scientifica. Far conoscere le possibilità che quest'ultima ci offre serve infatti a migliorare la qualità della vita e la sicurezza, investendo su ambiente, energia, clima, alimentazione, salute, risorse e riduzione dei rischi naturali.

Geoeventi in Friuli Venezia Giulia

"Il suolo trema. E la scuola?", questo l'evento organizzato in regione giorno 8 ottobre 2020, esattamente a Gemona del Friuli (UD). Come si legge sul programma dell'evento:

Il territorio italiano presenta un’elevata pericolosità sismica. Pertanto sarebbe utile conoscere in anticipo il comportamento di un edificio in caso di terremoto.
Per questo tre studenti, Enrico Agata, Davide Del Conte e Giovanni Ganzitti, hanno effettuato alcune misure all’interno e, con altri compagni, all’esterno della propria scuola, a Gemona del Friuli. Ciò è stato possibile grazie alla collaborazione dell’OGS, l’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, che ha messo a disposizione 15 stazioni sismiche mobili. I tre ragazzi, affiancati da due ricercatrici dell’OGS, hanno posizionato gli strumenti ai quattro angoli e nei diversi piani dell’edificio scolastico, eseguendo registrazioni del rumore sismico ambientale.

I risultati rivelano che la frequenza propria del terreno è diversa da quella dell’edificio, scongiurando che, in caso di terremoto, si manifesti il fenomeno della risonanza: se questo accadesse, le onde sismiche verrebbero amplificate e potrebbero distruggere la costruzione. Scopo di questo geoevento è diffondere la cultura della prevenzione tra gli studenti.

Per maggiori informazioni sull'evento clicca qui.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per conoscere i Geoeventi sparsi in tutta Italia clicca qui.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale davanti al Red Baron: deceduta una ragazza di 22 anni

  • Stop al pieno oltre confine: la Slovenia mette il Fvg in zona rossa

  • Il ricordo di Sara, vittima della strada a soli 22 anni: "Un'anima pura"

  • Coronavirus: 334 nuovi casi di cui 141 a Trieste, 3 decessi in Fvg

  • Scuole, didattica a distanza al 50%: la nuova ordinanza di Fedriga

  • Nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi dopo le 18, stop alle palestre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento