social

International Street Food, il rapporto cultura-cibo da strada e l'evento a Trieste

Il cibo “on the road” è una nuova icona del terzo millennio, oltre che di un fenomeno di moda, si tratta anche di un nuovo modo di vivere il rapporto di una cultura con il proprio cibo e le proprie radici. In occasione di ciò, Trieste ospiterà un festival interamente dedicato allo street food, scopriamolo

Il cibo di strada, comunemente conosciuto come street food, secondo la definizione della FAO, è costituito da quegli alimenti, incluse le bevande, già pronti per il consumo e venduti - e spesso anche preparati - in strada o in altri luoghi pubblici come mercatini o fiere, da commercianti ambulanti, su un banchetto provvisorio, ma anche su furgoni o carretti ambulanti. Lo street food è ormai diventato un vero e proprio trend, nei centri storici di alcune città italiane, infatti, si è diffusa una tipologia di piccoli locali specializzati nella preparazione e vendita di cibi da mangiare in strada. Uno dei modi più semplici e divertenti per conoscere un territorio è sicuramente attraverso il cibo di strada e i suoi prodotti tipici. In Italia arancine, piadine, panini e panzerotti sono una tradizione gustosa, veloce ed economica. Il trend è innegabile, oramai lo street food ha acquisito grandi consensi anche grazie alla globalizzazione, alla mediatizzazione del cibo e dei cuochi a livello planetario. Giornali e riviste, trasmissioni televisive, guru della gastronomia hanno consacrato il cibo “on the road” una nuova icona del terzo millennio, ma non si tratta solo un fenomeno di moda, è anche di un nuovo modo di vivere il rapporto millenario di una cultura con il proprio cibo e le proprie radici.

In cosa consiste?

Il consumo di cibo per strada consente, in genere, di mangiare in maniera più informale, più rapida, e meno costosa rispetto al consumo di cibo in un ristorante, per tale motivo, questa forma di alimentazione viene spesso preferita rispetto a modalità più formali di consumo, tanto da farle occupare un posto importante nell'alimentazione umana, come confermano le stime del FAO. Alcuni cibi da strada rientrano nella categoria del finger food e del fast food, inoltre, il cibo di strada è strettamente legato al fenomeno del cibo da asporto (take away/take-out), e ad altri fenomeni di consumo informale di cibo, come gli snack, gli spuntini, il fast food, il pranzo al sacco. L'aspetto fondamentale rimane che queste buonissime pietanze sono spesso legate alla tradizione di un territorio ed è proprio grazie alla globalizzazione che il cibo da strada consente di avvicinare culture diverse.

International Street Food a Trieste

Anche a Trieste la cultura del cibo da strada è ben nota, proprio per questo motivo la nostra città ospiterà, nei prossimi giorni, il festival interamente dedicato allo street food. L'evento - che si terrà in Piazzale Straulino, Molo Sartorio e organizzato da International Street Food Italia -  avrà la durata di 3 giorni, dal 5 al 7 Luglio 2019, si inizia giorno 5 alle ore 18.00 per poi continuare le giornate successive dalle ore 12.00 alle 24.00. Grazie a questa strepitosa occasione, le migliori specialità di street food faranno tappa a Trieste per un weekend all'insegna del buon cibo di strada provenienti da tutto il mondo. Inoltre, sarà possibile degustare birra artigianale di microbirrifici d'Italia e del mondo, il tutto accompagnato da eventi per allietare tutte e tre le serate e passare del tempo piacevole insieme ad amici e parenti. L'ingresso sarà gratuito.

Pizza, eccellenza italiana. Dove mangiarla a Trieste

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

International Street Food, il rapporto cultura-cibo da strada e l'evento a Trieste

TriestePrima è in caricamento