Lunedì, 14 Giugno 2021
social

Strucolo de pomi: la ricetta della tradizione

Non c'è casa o nonna triestina che non lo prepari almeno un paio di volte l'anno: ecco la ricetta tradizionale del delizioso strucolo de pomi, amato a Trieste e non solo

Le origini dello strucolo de pomi non sono propriamente triestine bensì provengono dalla cucina austriaca e altotesina. Nonostante ciò si tratta di un delizioso dolce molto amato e ampiamente consumato anche nel nostro territorio, non c'è infatti casa o nonna triestina che non lo prepari almeno un paio di volte l’anno. Ecco la ricetta tradizionale, semplice e veloce.

Ingredienti

Per la pasta:

  • 250 gr di farina;
  • 200 gr di zucchero;
  • 2 cucchiai di olio di semi (o 60 gr di burro);
  • acqua q.b.
  • sale q.b.

Per il ripieno:

  • 1 kg di mele;
  • pinoli;
  • biscotti duri sbriciolati (quelli da caffelatte);
  • burro.

Procedimento

Iniziate impastando la farina con lo zucchero, l’olio di semi (o il burro se si preferisce), un pizzico di sale e acqua quanto basta. Lavorate a lungo fino ad ottenere una pasta elastica che dovrà riposare per una ventina di minuti. Nel frattempo si possono sbucciare le mele e tagliarle a fettine, stendere sottilissima la pasta su di un canovaccio infarinato e cominciare a spargere le mele.

A questo punto, aggiungete i pinoli e i biscotti sbriciolati su tutta la superficie e qualche fiocco di burro qua e là. Arrotolate quindi la pasta servendovi di un lembo del canovaccio e adagiate lo strudel su una teglia leggermente imburrata. Lo strudel va cotto in forno a temperatura moderata (150° circa) per circa 30 minuti e di tanto in tanto bisogna punzecchiarlo. Si riconoscerà una cottura perfetta quando la pasta sarà di un bel colore dorato. Prima di servirlo, ricopritelo di zucchero a velo. Potete accompagnare il vostro delizioso dolce con un fiocco di panna o gelato alla vaniglia.

Se volete provare una variante più estiva del dolce vi proponiamo lo strudel alle ciliegie: qui la ricetta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strucolo de pomi: la ricetta della tradizione

TriestePrima è in caricamento