menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Locandina "Wall of Dolls" da Comune di Trieste

Locandina "Wall of Dolls" da Comune di Trieste

Nasce a Trieste "Wall of Dolls": il progetto per sensibilizzare sul tema della violenza contro le donne

Per incrementare la sensibilizzazione collettiva sull'importante tema della violenza sulle donne nasce a Trieste il progetto "Wall of Dolls" con l'obiettivo di portare un'istallazione artistica in città grazie alla partecipazione della comunità

Secondo il rapporto dell'Organizzazione Mondiale della Sanità "Valutazione globale e regionale della violenza contro le donne: diffusione e conseguenze sulla salute degli abusi sessuali da parte di un partner intimo o da sconosciuti", la violenza contro le donne rappresenta “un problema di salute di proporzioni globali enormi”.

Come leggiamo sul sito del Ministero della Salute, l’abuso fisico e sessuale è un problema che colpisce oltre il 35% delle donne in tutto il mondo e, cosa ben più grave, è che ad infliggere la violenza sia nel 30% dei casi un partner intimo.

La normativa sulla violenza contro le donne

In Italia, la prima innovazione legislativa di rilievo in materia di violenza sessuale si è avuta con l’approvazione della Legge 15 febbraio 1996, n. 66, che ha iniziato a considerare la violenza contro le donne come un delitto contro la libertà personale, innovando la precedente normativa, che la collocava fra i delitti contro la moralità pubblica ed il buon costume.

Con la Legge 4 aprile 2001, n. 154 vengono introdotte nuove misure volte a contrastare i casi di violenza all’interno delle mura domestiche con l'allontanamento del familiare violento. Nello stesso anno vengono approvate anche le Leggi n. 60 e la Legge 29 marzo 2001, n. 134 sul patrocinio a spese dello Stato per le donne, senza mezzi economici, violentate e/o maltrattate, uno strumento fondamentale per difenderle e far valere i loro diritti, in collaborazione con i centri anti violenza e i tribunali.

Con la Legge 23 aprile 2009, n. 38 sono state inasprite le pene per la violenza sessuale e viene introdotto il reato di atti persecutori ovvero lo stalking. Il nostro Paese ha compiuto un passo storico nel contrasto della violenza di genere con la legge 27 giugno 2013 n. 77, approvando la ratifica della Convenzione di Istanbul, redatta l'11 maggio 2011. Il 15 ottobre 2013 è stata poi approvata la Legge 119/2013 (in vigore dal 16 ottobre 2013) “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 14 agosto 2013, n. 93, che reca disposizioni urgenti in materia di sicurezza e per il contrasto della violenza di genere”.

Il progetto Wall of Dolls

Nasce con il Comune di Trieste, per incrementare la sensibilizzazione collettiva su questo tema, importante quanto delicato, il progetto "Wall of Dolls" con l'obiettivo di portare in città un'istallazione artistica permanente ma removibile - già presente in altri comuni italiani - utile ad educare sul tema della violenza sulle donne sia su un piano artistico che educativo, coinvolgendo primariamente l'Onlus Wall of Dolls e parallelamente associazioni e realtà locali. 

Sarà possibile partecipare in modo attivo mandando una bambola entro il 10 dicembre 2020 a "Wall of Dolls Trieste", via Navali 11, per contribuire alla creazione del Wall of Dolls di Trieste. Per maggiori informazioni clicca qui e rivolgiti al seguente indirizzo email: emaresio@gmail.com.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Cucina triestina: la ricetta del baccalà mantecato

Cura della persona

Maskne: cause e rimedi per combattere la nuova acne da mascherina

social

Cucina triestina: la ricetta dei sardoni in savòr

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Giorno della Memoria 2021: posate le prime pietre d'inciampo

  • Incidenti stradali

    Investito da un'auto "pirata", ciclista sessantenne a Cattinara

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Veicoli Commerciali

    Mezzi pesanti: regole e limiti di velocità

  • Scuola

    Metodo di studio: i consigli per memorizzare in poco tempo

Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento