Donkey Ride - Paul Raimonds

Io ero il figlio.Lui era il padre.Comprammo l’asino a ProseccoPartimmo di buon mattino. In groppa.A Villa Opicina le cose iniziarono a cambiare. Io scesi. Lui No.Dissero che l’asino era troppo giovane, debole, non poteva reggerci. Incoscienti...

Io ero il figlio.
Lui era il padre.
Comprammo l'asino a Prosecco
Partimmo di buon mattino.
In groppa.
A Villa Opicina le cose iniziarono a cambiare. Io scesi. Lui No.
Dissero che l'asino era troppo giovane, debole, non poteva reggerci. Incoscienti.
Dissero!
Proseguimmo lentamente.
Nei pressi di Trebiciano il nostro programma cambiò ancora.
Lui scese. Io risalii.
Dissero che io ero fragile e mio padre robusto. Irresponsabile.
Dissero!
A Domio io scesi, mio padre risalì. Dissero che io ero vigoroso e robusto. Irrispettoso.
Dissero!
Eravamo ormai arrivati.
Stanchi e confusi ci fermammo.
Riflettemmo.
Proseguimmo a piedi.
Arrivammo a Muggia.
Dissero che eravamo tonti, io e lui a piedi con un asino energico e possente. Ottusi.
Dissero!
Ci avete mai pensato? Ne dubito.
E voi?
Non rimanete in silenzio.

P.R.


In Evidenza

I più letti della settimana

  • La Croazia riapre ai turisti: ecco le regole

  • "Ti veniamo a cercare", per le minacce di morte a Bassetti denunciato anche un triestino

  • Friuli Venezia Giulia in zona arancione da lunedì

  • Innamorato del cinema, dall'anima sensibile e giornalista: addio a Riccardo Visintin

  • Covid in Fvg: su terapie intensive e percentuale di positivi, più del 50% dei nuovi casi a Trieste

  • "Dammi 5000 euro e non dico niente a tua moglie": 29enne in cella per estorsione

Torna su
TriestePrima è in caricamento