Immigrazione: Fedriga, Ue si dimostri compatta su contrasto irregolari

Nel corso del dibattito tematico sulla cooperazione allo sviluppo e l'immigrazione, il governatore ha ribadito l'importanza di "operare una chiara distinzione tra la migrazione irregolare e regolare"

"L'Unione europea assuma un ruolo da protagonista nelle politiche di contrasto all'immigrazione irregolare. La cooperazione internazionale rappresenta infatti uno strumento prezioso per favorire il raggiungimento di obiettivi comuni, ma non può e non deve diventare leva per alimentare interessi di parte di singoli Paesi."

Lo ha dichiarato oggi il governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga, intervenendo in videoconferenza alla seduta della commissione Cittadinanza, governance, affari istituzionali ed esterni (Civex) del Comitato europeo delle Regioni.

Nel corso del dibattito tematico sulla cooperazione allo sviluppo e l'immigrazione, il governatore ha ribadito l'importanza di "operare una chiara distinzione tra la migrazione irregolare e regolare" e ha sollecitato l'Unione a "sostenere i Paesi membri nell'attuazione delle politiche di loro competenza, necessarie ad arginare il fenomeno".

"Fondamentale è infine - ha sottolineato Fedriga - che l'Unione europea esprima una posizione unitaria e autorevole nei confronti di quei Paesi che usano le migrazioni di massa quale strumento di ricatto politico ed economico”.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento