Silenzio Assenzio: " Achtung ! "

Da bravo rionale passeggiavo per il quartiere ma quelle folli urla non avevano niente di abitudinario.Urlava ed inveiva forsennatamente contro due ragazzi turchi colpevoli probabilmente di aver dato troppo gas alla fiamma che arrostiva i loro...

Da bravo rionale passeggiavo per il quartiere ma quelle folli urla non avevano niente di abitudinario.
Urlava ed inveiva forsennatamente contro due ragazzi turchi colpevoli probabilmente di aver dato troppo gas alla fiamma che arrostiva i loro ottimi Kebab.
Sbraitava come un forsennato alludendo alle abitudini libertine delle loro mamme.
Si sgolava nel suo folle ritornello di ingiurie.
Si agitava in modo squilibrato come sul punto di aggredirli.
Insulti da scemo verso il loro essere musulmani.
Loro un po' agitati, probabilmente un po' spaventati. Il pazzo nostalgico, prima di andarsene, ha pensato bene di rievocare speranzoso i metodi del Terzo Reich.
Probabilmente non ricordando che le persone come lui sarebbero rientrate tristemente il quel bel programmino denominato Aktion T4.
Al braccio una fascia con la scritta IDIOTA.
Un trenino scomodo. Qualche giorno di baracca.
E poi il gas.
Non quello per il Kebab arrotolato.

"Reichsleiter Bouhler und Dr. med. Brandt
sind unter Verantwortung beauftragt, die Befugnisse namentlich zu bestimmender Ärzte so zu erweitern, daß nach menschlichem Ermessen unheilbarKranken bei kritischster Beurteilung ihres Krankenheitszustandes der Gnadentod gewährt werden kann."
Adolf Hitler
Ci avete mai pensato?
Lui ne dubito. E voi?
Non rimanete in silenzio.

P.R


In Evidenza

I più letti della settimana

  • La Croazia riapre ai turisti: ecco le regole

  • "Ti veniamo a cercare", per le minacce di morte a Bassetti denunciato anche un triestino

  • Il Fvg resta in zona arancione

  • Covid in Fvg: su terapie intensive e percentuale di positivi, più del 50% dei nuovi casi a Trieste

  • "Dammi 5000 euro e non dico niente a tua moglie": 29enne in cella per estorsione

  • Friuli Venezia Giulia di nuovo arancione: cosa si può fare e cosa no

Torna su
TriestePrima è in caricamento