Sport

Dopo cinque vittorie, Alma sconfitta 76-63 a Bologna (FOTO)

Pallacanestro Trieste paga a carissimo prezzo un black-out di 5′ a fine primo tempo. Ora Trieste arriverà un’altra compagine decisamente attrezzata e in forma, ovverosia la Dinamica Mantova dell’ex Francesco Candussi

foto di Massimiliano Rossetti

Reduce da cinque successi consecutivi, l’Alma cerca una serata da grande, sfidando la corazzata Virtus Bologna all’Unipol Arena. Bolognesi vincitori nelle ultime cinque come i biancorossi, a caccia del sesto sigillo per appaiare in testa alla classifica Treviso.
Virtus sul parquet con Spissu, Umeh, Rosselli, Oxilia e Lawson, Alma che approccia al match con Prandin, Baldasso, Green, Parks e Da Ros.

Primi punti della serata di Parks in lunetta, le ‘V nere’ si mettono però ben presto in moto, trovando un primo allungo sull’8-2. Alma comunque sul pezzo, subito controparziale e parità a quota 10, sfida decisamente equilibrata. Ramagli imposta un’asfissiante difesa a tutto campo sin dalle prime battute, Trieste riesce comunque il più delle volte a superarla, nonostante percentuali non ottimali. Virtus che prova a scappare con le qualità fisiche e tecniche della coppia Rosselli/Lawson, Pecile e compagni però non si scompongono, rimanendo sempre a contatto e trovando anzi il vantaggio alla prima sirena (19-20).

Secondo parziale sulla falsariga del primo, almeno nella prima parte. Bologna ha un Rosselli incontenibile ed intenso in difesa, aspetto che tuttavia non difetta per nulla nemmeno nei biancorossi, si segna pochissimo e il punteggio infatti rimane in bilico (28-25 al 15′). Il black-out che di fatto indirizza definitivamente la partita è però dietro l’angolo, lo propizia il solito Rosselli, supportato dai compagni in difesa e in special modo da Lawson in attacco. In quattro minuti parziale di 15-0 (43-25 al 19′), l’Alma trova il canestro dalla lunetta con Parks prima dell’intervallo lungo, divario che recita comunque un -16 che pare molto complicato da rimontare.

Avvio di terzo periodo con buona energia da parte dei biancorossi, Bologna non entra immediatamente in partita e l’Alma piazza subito un paio di canestri. Ben presto però la squadra di Ramagli ritrova la solidità difensiva e, complice un elevato numero di secondi possessi, riesce sempre a mantenere il divario pressoché inalterato. Se offensivamente Rosselli (14 punti nei primi 20′) si concede una pausa, anche perché richiamato in panca a rifiatare, è Lawson a salire in cattedra. L’Alma attacca bene la zona avversaria ma non riesce a trovare la dovuta precisione da oltre i 6,75, conquistando in fin dei conti il terzo quarto, ma di fatto riducendo il gap di un solo punto (57-42 al 30′).

L’ultimo periodo è di gestione delle ‘V nere’, Trieste avrebbe anche un paio di possibilità per riaprire il match, andando subito a -11 e costringendo Bologna al timeout. Fuori dai blocchi però, la Virtus trova due protagonisti fino a quel punto offensivamente piuttosto appannati, vale a dire Umeh e Spissu. A metà tempo il divario è sempre di quindici lunghezze, Trieste cerca ancora di riaprirla, trovando una tripla di Green e un’inchiodata in contropiede ancora di Javonte, di nuovo -11 con quattro minuti da giocare. Il possesso seguente è recuperato dall’Alma, che manca di un soffio il -8 complice una sfortunata tripla di Da Ros. La Virtus non si scompone e, da grande squadra, approfitta di ogni indecisione biancorossa per piazzare un 6-0 che chiude i giochi con circa 200″ da giocare, con in più una tripla di tabella di Umeh a sigillare il punteggio. L’Alma ricuce negli ultimi istanti di gara, rendendo il passivo meno amaro da digerire ma non riuscendo a cambiare la sostanza del match, scandito per tutti i 40′ dall’incessante tifo dei nostri splendidi tifosi giunti in Emilia.

La Virtus trova così il sesto ‘hurrà’ consecutivo, agganciando in vetta Treviso e dimostrando una solidità da prima della classe. L’Alma esce sconfitta dall’Unipol Arena con più di un rimpianto, pagando a carissimo prezzo un black-out di 5′ a fine primo tempo, costato un parziale poi mantenuto dai padroni di casa. Si interrompe la corsa biancorossa dopo cinque successi consecutivi, per riprendere il filo del discorso servirà una prestazione diversa domenica all’Alma Arena, quando a Trieste arriverà un’altra compagine decisamente attrezzata e in forma, ovverosia la Dinamica Mantova dell’ex Francesco Candussi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo cinque vittorie, Alma sconfitta 76-63 a Bologna (FOTO)

TriestePrima è in caricamento