Sabato, 18 Settembre 2021
Sport

Bavisela 2014, l'Evento sarà Green

Diventa la seconda maratona certificata in Europa La Bavisela, l'evento sportivo più partecipato del Friuli Venezia Giulia, sarà la prima manifestazione sportiva in regione e la seconda maratona in Europa ad intraprendere la strada della...

Diventa la seconda maratona certificata in Europa

La Bavisela, l'evento sportivo più partecipato del Friuli Venezia Giulia, sarà la prima manifestazione sportiva in regione e la seconda maratona in Europa ad intraprendere la strada della certificazione americana rilasciata dal Council for Responsabile Sport, rappresentato in Italia da IMQ, che misura e attesta la responsabilità ambientale e sociale degli eventi sportivi.

La decisione di raggiungere la certificazione, d'intesa con il Comune di Trieste, è motivata dalla volontà di migliorare l'impatto sociale, economico ed ambientale sul territorio, adottando le misure necessarie per rendere la Bavisela sempre più eco e socio sostenibile, introducendo per la prima volta novità importanti come la raccolta differenziata, il risparmio energetico o l'eliminazione di tutti i materiali non biodegradabili.

Un messaggio rivolto non solo ai partecipanti ma a tutta la comunità, volto alla promozione di un corretto stile di vita anche in funzione della tutela e del rispetto del territorio, oltre che del sostegno alle fasce più deboli della popolazione.

Partner fondamentale della Bavisela sarà l'Acegas-Aps, con la quale gli organizzatori hanno intrapreso un percorso, che porterà ad una collaborazione su tutti gli aspetti riguardanti la sostenibilità ambientale, a partire dalla raccolta differenziata e da una campagna promozionale mirata a diffondere le buone pratiche introdotte nell'edizione 2014.

Consolidata anche la collaborazione con la Trieste Trasporti, che metterà anche quest'anno a disposizione dei partecipanti i bus per raggiungere le partenze, mezzi "green" già in servizio a Trieste.

Tra i partner figurano anche Italspurghi, Orion spa, Sole Società Cooperativa, Siot/TAL, Flash Srl, mentre altre ditte e aziende si aggiungeranno nelle prossime settimane. «Ringrazio tutti i partner coinvolti in questo progetto che amplia la nostra possibilità di trasmettere messaggi virtuosi sull'intero territorio - ha sottolineato l'assessore comunale all'Ambiente Umberto Laureni - e che sviluppa ecologia vera in diversi ambiti, dalla raccolta differenziata fino all'impiego di autobus ecologici (l'80% della flotta cittadina), per una concreta ed efficace azione 'verde' in linea con il Piano di Azione per l'Energia Sostenibile di recente approvato dalla Giunta comunale che ha quale obiettivo primario informare la cittadinanza sul corretto consumo per ridurre gli sprechi e le emissioni di CO2 entro il 2020, in stretta sinergia e collaborazione con numerose e importanti realtà del territorio».

«Abbiamo scelto di seguire la strada della certificazione - spiega il presidente della Bavisela, Fabio Carini - per lanciare un importante messaggio, evidenziando quanto sia fondamentale la tutela dell'ambiente e l'impegno sociale a partire proprio da un grande evento come il nostro che gode di ampia visibilità a livello locale, nazionale e internazionale».

«Saluto con favore e vivo interesse l'iniziativa di intraprendere la strada della certificazione ambientale e sociale della Bavisela - dichiara l'assessore regionale all'Ambiente ed Energia Sara Vito - manifestazione di prestigio e di respiro internazionale, ed auspico che possa essere d'esempio anche per altri eventi sportivi e culturali nella nostra regione. La responsabilità ambientale e sociale è un valore per la comunità, ed essa trova particolare significato in occasione di eventi che richiamano un gran numero di persone nelle nostre splendide città e permettono di realizzare quel turismo sostenibile di cui abbiamo veramente bisogno per rimettere in moto anche con manifestazioni di questo tipo la nostra economia. L'attenzione agli impatti ambientali e sociali della Bavisela, che l'organizzazione di questo evento ha voluto valorizzare, presenta diversi ed importanti aspetti. I benefici ambientali nella realizzazione dell'evento potranno tradursi sia nella diffusione della cultura del rispetto e della tutela del territorio, che in modo operativo in una corretta gestione dei rifiuti attraverso la raccolta differenziata e in risparmio dei consumi energetici. Questa iniziativa trasmette un messaggio educativo di grande valore in grado di raggiungere il gran numero di sportivi e di spettatori che parteciperanno all'evento, utile ad accrescere e diffondere oltre che il rispetto e la cura del nostro territorio anche la promozione di un corretto stile di vita ed il valore del sostegno alle fasce più deboli della popolazione attraverso la valorizzazione del volontariato. è un valore per la comunità, ed essa trova ancora maggiore significato in occasione di eventi che richiamano un gran numero di persone e permettono di realizzare quel turismo sostenibile di cui abbiamo veramente bisogno per rimettere in moto anche con manifestazioni di questo tipo la nostra economia. L'attenzione agli impatti ambientali della Bavisela garantisce rilevanti benefici ambientali e trasmette anche un messaggio educativo di grande valore, utile ad accrescere e diffondere la promozione di un corretto stile di vita, la tutela e il rispetto del territorio, ed il valore del sostegno alle fasce più deboli della popolazione attraverso la valorizzazione del volontariato».

La certificazione prevede anche lo sviluppo di progetti in ambito sociale, tra questi nel 2014 è stata introdotta un'importante novità, la Bavisela Family sarà abbinata al progetto Bavisela Onlus per favorire il foundrasing e la visibilità di tutte le associazioni di volontariato.

Questi, in sintesi, gli obiettivi principali che la Bavisela punta a raggiungere, per diventare un evento eco-sostenibile.
-Differenziare almeno il 60% dei rifiuti prodotti.
-Promuovere l'importanza della raccolta differenziata, a partire dai bambini.
-Eliminare tutti i materiali non essenziali ai fini delle corse.
-Introdurre la raccolta dell'umido e il compostaggio sul posto.
-Utilizzare quanto possibile prodotti atossici e biodegradabili.
-Avviare un programma di risparmio dell'acqua e una campagna informativa che inviti a non sprecarla.
-Ridurre il numero di volantini e depliant cartacei.
-Utilizzare mezzi di trasporto "green".
-Avviare partnership e collaborazioni con aziende locali, incentivando il lavoro delle realtà del territorio.
-Presentare progetti innovativi, in grado di tutelare l'ambiente e valorizzare i corretti stili di vita.
-Eliminare tutte le acque reflue e utilizzare bagni ecologici.
-Realizzare un feedback dell'evento, raccogliendo le indicazioni dei partecipanti, dei soggetti coinvolti e dei cittadini.

Sul sito www.bavisela.it una sezione è dedicata al progetto "green" IMQ, con informazioni che saranno aggiornate e implementate costantemente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bavisela 2014, l'Evento sarà Green

TriestePrima è in caricamento