Domenica, 13 Giugno 2021
Sport

Boxe: tre giorni in memoria di Enzo Battimelli al Palasport di Chiarbola

Occhi puntati su Mattias Zdrinca, reduce dal bronzo negli 80 kg conquistato ai Campionati Europei Junior

Sarà il giovanissimo Mattias Zdrinca il grande festeggiato in occasione della prestigiosa tre giorni che, in memoria del maestro Enzo Battimelli, riporterà la boxe di alto livello al Palasport ‘Giorgio Calza’ di Chiarbola.
L’appuntamento a ingresso gratuito, organizzato dall’A.S.D. Club Sportivo Trieste Pugilato, è fissato per venerdì 13, sabato 14 e domenica 15 ottobre quando circa 200 atleti di talento giungeranno a Trieste in rappresentanza di 20 società e otto regioni italiane, oltre ai gioiellini di sicuro avvenire provenienti dai Paesi confinanti.
Intenso il programma previsto sul ring: protagoniste categorie maschili e femminili con delicati test match in vista dei Campionati Italiani categorie Elite, Senior, Youth, Junior & Schoolboy.
Grande attesa per le dieci sfide dilettantistiche che vedranno impegnati anche gli azzurri plurititolati delle Fiamme Oro, opposti ai migliori talenti del Friuli Venezia Giulia.

Riflettori, tuttavia, puntati sul gioiellino di casa Mattias Zdrinca, reduce dal bronzo negli 80 kg conquistato ai Campionati Europei Junior andati in scena ad Albena (Bulgaria).
Classe 2001, ovviamente già qualificato e grande favorito in vista dei prossimi Campionati Italiani Junior in programma tra meno di un mese, Zdrinca è pronto per seguire le orme del padre Daniel Zdrinca (già figura di spicco della boxe rumena) che da ormai sette anni collabora in veste di tecnico con l’A.S.D. Club Sportivo Trieste Pugilato del tecnico responsabile, nonché presidente onorario, Roberto Battimelli.
Sul ring fin da ragazzino, doti atletiche e capacità tecniche evidenziate già da piccolissimo, Mattias si è laureato Campione Italiano categoria Schoolboy nel 2015 vincendo i primi tre match e confermandosi anche nel 2016 con un bronzo ai tricolori Junior. Reduce dagli ori al torneo nazionale ‘Alberto Mura’ di Mondovì (Piemonte) e al torneo internazionale di Podgorica (Montenegro) in rappresentanza dell’Italia, il talentino si è confermato con cuore e cervello anche in Bulgaria con un terzo posto di enorme prestigio al termine dei ‘22. Campionati Europei’, ospitati dall’Albena Sport Hall.

Sul ring i 255 migliori prospetti della boxe continentale con 32 Paesi in gara per un medagliere dominato dalla Russia, davanti ai padroni di casa della Bulgaria e all’Ucraina.
L’Italia dei tecnici Giulio Coletta e Gianfranco Rosi, affiancati dal team leader Raffaele Esposito, ha conquistato un terzo posto anche con il toscano Emanuele Massimo Santini (52 kg), la cui marcia si è arrestata solo in semifinale.
Proprio come quella, pur poderosa, di Szdrinca che, liquidati prima il tedesco Berkan Sahin (4-1) e poi anche il bielorusso Yahor Lashkou (3-2), dopo una sfida intensa ed equilibrata ha pagato il ruolo di ‘padrone di casa’ del bulgaro Vasil Stefanov (0-5) con un verdetto ingeneroso che è stato contestato da parecchi osservatori e tecnici neutrali (qui il match integrale: https://youtu.be/BW6ivTjtyxk?t=2h4m14s).
«Il verdetto mi lascia perplesso – ha commentato coach Coletta - perché il nostro ha mantenuto un ottimo ritmo per tutto il match e il bulgaro avrà messo a segno al massimo tre colpi. Torniamo comunque a casa con due medaglie di bronzo. Ringrazio ovviamente le società di appartenenza dei nostri atleti».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boxe: tre giorni in memoria di Enzo Battimelli al Palasport di Chiarbola

TriestePrima è in caricamento