rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Sport

Pallanuoto Trieste a un passo dall'impresa: Brescia si impone in extremis

I vicecampioni d'Italia devono fare gli straordinari per superare la compagine alabardata

Una Pallanuoto Trieste in formato play-off si arrende soltanto in extremis ai vice-campioni d’Italia. Nella tredicesima (ultima) giornata di andata del campionato di serie A1 maschile, la squadra sponsorizzata Samer &Co. Shipping è stata battuta dall’An Brescia per 11-9. Gara di rara intensità a Mompiano, con i ragazzi di Daniele Bettini bravi a tenere botta al cospetto di una delle compagini più forti anche a livello europeo. “Abbiamo fatto una gran bella partita - spiega l’allenatore Daniele Bettini - noi siamo questi, capaci di battagliare alla pari con tutti. Nel finale ci è mancata la zampata per riequilibrare il match, complimenti ai miei giocatori, andiamo avanti così”.

Buon avvio degli ospiti, accorti in difesa e protetti dalla parate di Oliva. Bini scappa in controfuga e guadagna un rigore che Inaba mette dentro per lo 0-1. Valentino trova lo 0-2 in superiorità (su assist di Petronio), a 3’’ dalla fine del primo tempo Alesiani da boa accorcia sull’1-2. In apertura di seconda frazione il Brescia prova ad accelerare le operazioni. Nel giro di 60’’ vanno in gol Renzuto (colomba) e Di Somma (alzo e tiro) per il 3-3. Trieste reagisce. Razzi colpisce da lontano (con deviazione) e Mladossich batte Tesanovic sul palo lungo: 3-4. A 29’’ dal cambio di campo Vapenski con l’uomo in più riporta il risultato in parità (4-4). Nel terzo periodo i lombardi allungano grazie alle superiorità numeriche. L’equilibrio regge fino al 6-6, con Mezzarobba e Valentino che rispondo alla doppietta di Di Somma. Il solito Di Somma trova il 7-6, Oliva evita il -2 ma poi deve arnredersi alle conclusioni di Vapenski (tutto solo dopo espulsione guadata) e alla controfuga di Dolce. Si entra negli ultimi 8’ con il punteggio fissato sul 9-6. Il -3 non spaventa Trieste, che nel giro di 90’’ torna sotto grazie ai gol di Vrlic da boa e alla rapida controfuga di Bini (9-8). Presciutti con l’uomo in più ritrova il +2 (10-8), una bordata sotto la traversa di Inaba vale il 10-9 a 4’20’’ dalla fine. Oliva sventa una controfuga “uno-contro-zero”, poi a 40’’ dalla fine un controfallo in ripartenza costa agli alabardati il possesso del possibile pari, un fallo grave e il gol di Luongo che fissa il punteggio sul definitivo 11-9. “Gara dura, spigolosa - conclude il d.s. Andrea Brazzatti - decisa dagli episodi. Siamo stati bravi a restare sempre a contatto, adesso testa alla trasferta in Ungheria”.

Mercoledì 25 gennaio infatti è di nuovo tempo di Euro Cup, con la gara di andata dei quarti di finale sul campo dello Szolnok (ore 19.00).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pallanuoto Trieste a un passo dall'impresa: Brescia si impone in extremis

TriestePrima è in caricamento