Sport

Canottaggio: 176 atleti alla IX edizione della Vogadalonga di Grado

Un suggestivo percorso di circa 18 Km, con partenza dallo specchio acqueo della Darsena Torpediniere sede della centenaria Canottieri Ausonia

Grande attesa per la IX edizione della Vogadalonga di Grado, che la Società Canottieri Ausonia organizza domenica 29. Un tradizionale appuntamento per la non competitiva di fine ottobre, aperta alle società affiliate a Federcanottaggio, Federcanoa a quelle di voga alla veneta ed al sup (stand up paddle), su un percorso molto suggestivo di circa 18 Km, con partenza dallo specchio acqueo antistante la Darsena Torpediniere sede della centenaria Canottieri Ausonia, la società del poeta Biagio Marin, e che si snoderà attraverso la Litoranea Veneta fino a Primero con ritorno al punto di partenza.

Uno splendido colpo d'occhio quando domenica mattina (occhio al cambio dell'ora!), remi e pagaie si muoveranno all'unisono al via dello start, per trovare le posizioni migliori e più favorevoli per affrontare le prime curve del canale che si addentrerà nella splendida laguna gradese, con il primo meraviglioso colpo d'occhio, il Santuario di Barbana ancora oggi abitata in modo stabile da una comunità di frati minori francescani, i “barbaniti” seguaci in origine di Barbano, eremita del VI secolo.

Una successione rara e suggestiva quella che alterna la mano dell'uomo attraverso i passaggi nei pressi dei casoni dei pescatori ancora attivi dopo oltre un secolo, alla natura incontaminata, ad iniziare dall'esercito di fenicotteri rosa (negli anni scorsi se ne sono contati oltre 1500 nei pressi delle valli da pesca della laguna), spettacolo superbo ed imperdibile. Ed a tutto questo sarà possibile assistere tra una remata e l'altra, grazie anche ad un'organizzazione impeccabile dell'Ausonia, che prevede lungo il percorso punti di assistenza e di ristoro.

È facile percepire, sia da terra che sull'acqua, profumi fatti di pesce, alghe e salsedine, per una manifestazione, la Vogadalonga, che trova origini antichissime, una gara detta una volta “dei rioni”, il cui premio ai vincitori (quasi tutti i partecipanti erano per lo più pescatori) consisteva nel poter esercitare la prelazione per un anno sulla scelta della miglior valle dove posizionare le proprie reti.

All'edizione di quest'anno hanno aderito un totale di 176 atleti di un po' tutte le categorie da quelle giovanili ai master con presenza di atleti che nel corso dell’anno hanno vestito la maglia azzurra (anche con medaglie in competizioni internazionali) sia nel canottaggio che nella canoa, con circa 60 barche in acqua: barche ad 8, 4 e 2 vogatori con timoniere (in tipo olimpico, yole e gig) per il canottaggio; per la canoa: K4, K2 e K1; batele, sandolo e mascarete per la voga alla veneta.

14 le società iscritte: presenti club remieri da tutta la regione e dal Veneto. Come sempre grande presenza di atleti stranieri 5 club dall’Austria: Vienna - voga alla veneta; Ruderverein Albatros, Open Canoe Voyageurs Carinzia, Normannen Klosterneuburg, WRC Pirat, Kajak Union, Rari Nantes Padova, Canottieri Trieste, Cmm N. Sauro, Adria, Ginnastica Triestina, Canottieri Lignano, Unione Sportiva Francescana, Grado Voga, Ausonia. La Vogadalonga 2017 potrà contare sulla collaborazione della Lega Navale Italiana sezione di Grado, Associazione Radioamatori Grado, Associazione gradese subacquei, Graisani de palù, oltre a numerosi soci dell’Ausonia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Canottaggio: 176 atleti alla IX edizione della Vogadalonga di Grado

TriestePrima è in caricamento