Sport Piazza Unità d'Italia

"Corsa dei Miracoli": oltre 1800 iscritti alla sesta edizione dell'iniziativa solidale

Alla Corsa è abbinato il "Trofeo Capello", in memoria del prof. Graziano Capello, che premierà la scuola con il maggior numero di iscritti in gara

foto edizione 2016

Una mattinata di sport all’insegna della solidarietà. Questo il programma della manifestazione che vede in Piazza dell’Unità i bambini e i ragazzi delle scuole protagonisti e portavoce di un messaggio di speranza per tutta la città. Un messaggio che si alza forte grazie all’entusiasmo di chi partecipando alla gara contribuisce a sensibilizzare l’intera comunità civile al tema della solidarietà.
È stata presentata venerdì scorso alla stampa la sesta edizione della “corsa dei miracoli” organizzata dalla Fondazione Caritas Trieste Onlus, attraverso Young Caritas, con la collaborazione di Promorun Trieste e del Comune di Trieste.

La Corsa dei Miracoli, che ad oggi conta già più di 1800 iscritti da 19 Istituti scolastici, si terrà venerdì 13 aprile 2017 in piazza dell'Unità d'Italia dalle 9.00 alle 13.00. A presentare l'iniziativa venerdì scorso sono stati: mons. Pier Emilio Salvadè, Presidente della Fondazione Caritas Trieste onlus, don Alessandro Amodeo, Direttore della Caritas; Giorgio Rossi, Assessore allo Sport del Comune di Trieste; Valentina Gariuolo, responsabile di Young Caritas; Michele Gamba, Responsabile di Promorun Trieste, e Maurizio Cudicio in rappresentanza del Gruppo Sportivo San Giacomo e della FIDAL. Don Alessandro Amodeo ha voluto sottolineare come questa iniziativa a carattere benefico, rivolta al mondo delle scuole attraverso l’opera educativa di Young Caritas, porterà in Piazza dell’Unità più di 1800 bambini e ragazzi in un evento che è sia sportivo sia rappresenta un momento di coinvolgimento e sensibilizzazione al valore della solidarietà.

Ogni partecipante si impegna infatti coinvolgendo uno sponsor che finanzia ogni giro del percorso compiuto. Tutti i finanziamenti raccolti vengono poi devoluti alla Casa di accoglienza “La Madre”, struttura della Caritas diocesana che accoglie mamme con bambini in temporanea difficoltà. Un bel modo di legare quindi l’impegno sportivo con l’impegno caritatevole.
Nel corso degli anni non solo sono aumentati i partecipanti alla corsa ma anche le associazioni e i volontari e gli sponsor che sostengono e permettono di realizzare questo evento. Don Alessandro ha voluto ringraziare l’Azienda Rosso Manutenzioni e Costruzioni Generali, la Farmacia alla Maddalena, la Tripmare, la Promorun ed infine la collaborazione con l’associazione Mission Moldova, iniziativa missionaria della nostra Diocesi, nata per il sostegno ai bambini di strada in Moldova che ha un particolare legame con il nostro territorio visto l’alto numero di badanti moldave che sono a Trieste e che per poter trovare lavoro da noi sono costrette a lasciare le loro famiglie. Don Alessandro ha poi portato all’attenzione il resoconto della raccolta dell’edizione del 2017 che ammonta a più di 6000 euro, evidenziando come però il vero risultato sia stato quello di coinvolgere, interessare al tema della solidarietà tanti ragazzi delle scuole e attraverso di loro tante altre persone, contribuendo a creare un tessuto sociale attento al valore della solidarietà. Don Alessandro ha infine introdotto l’intervento dell’Assessore Rossi, non prima di aver ringraziato l’Amministrazione comunale per il sostegno e la disponibilità esemplari sempre dimostrate.

L’Assessore Rossi ha voluto sottolineare il piacere di poter potare la collaborazione dell’Amministrazione comunale a questa iniziativa e riprendendo il titolo della corsa ha evidenziato come il vero miracolo sia quello che la corsa realizza attraverso il fare comunità. Quando le persone si uniscono e sono solidali tracciano un sentiero che fa crescere l’intera comunità civile. La Chiesa di Trieste, anche attraverso la Caritas, offre proprio alla comunità civile questi percorsi preziosi di attenzione ai poveri e agli ultimi. È una missione culturale che la Chiesa deve continuare a portare avanti con forza, sempre dalla parte dei più bisognosi. Compito dell’Amministrazione comunale è sostenere questi percorsi, uscendo da un contesto di contrapposizioni politiche o ideologiche, per poter cambiare la nostra società, renderla migliore, ridarle speranza.

Michele Gamba ha rimarcato che per Promorun è un orgoglio poter essere fra i collaboratori della corsa dei miracoli che promuove la cultura della solidarietà e al contempo offre a tanti ragazzi uno stimolo per avvicinarsi all’attività sportiva in maniera sana. Promorun, anche con la collaborazione del Gruppo Sportivo San Giacomo si occuperà di gestire i percorsi di corsa, curerà l’assistenza ai ragazzi partecipanti e la logistica della manifestazione.
Alla Corsa è abbinato il "Trofeo Capello", in memoria del prof. Graziano Capello, che premierà la scuola con il maggior numero di iscritti in gara.
Il professor Capello, insegnante di scienze motorie nella scuola secondaria di secondo grado "Max Fabiani", morto prematuramente, ha sempre collaborato in modo significativo nelle precedenti edizioni della "Corsa". Ma ciò che ha caratterizzato la sua collaborazione, oltre al suo impegno materiale, che è stato comunque notevole, è stata la sua adesione allo spirito che anima la manifestazione.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Corsa dei Miracoli": oltre 1800 iscritti alla sesta edizione dell'iniziativa solidale

TriestePrima è in caricamento