Domenica, 24 Ottobre 2021
Sport

Dal 19 al 25 gennaio e' Trieste Film Festival

Non saranno delusi neanche quest’anno gli appassionati del Trieste Film Festival. Il consueto appuntamento torna infatti dal 19 al 25 gennaio con un cartellone ricco di appuntamenti e proiezioni di alta qualità. Alla sua 23esima edizione l’evento...

Non saranno delusi neanche quest'anno gli appassionati del Trieste Film Festival.
Il consueto appuntamento torna infatti dal 19 al 25 gennaio con un cartellone ricco di appuntamenti e proiezioni di alta qualità. Alla sua 23esima edizione l'evento, diretto da Annamaria Percavassi, offrirà al pubblico omaggi, retrospettive e incontri oltre ai tre tradizionali concorsi internazionali continuando a rappresentare il principale appuntamento italiano con il cinema dell'Europa centro-orientale.
Due gli eventi speciali che faranno da testa e coda. Si parte giovedì 19 gennaio con la proiezione di Majki alla presenza del regista Milcho Manchevski (autore di Before the Rain, Leone d'oro nel '94) per concludere mercoledì 25 con l'anteprima italiana di Odcházení di Václav Havel (scomparso di recente), proiezione che seguirà le consuete premiazioni del Festival.
Nel mezzo sette imperdibili giorni ricchi di cultura cinematografica al Teatro Miela e al Cinema Ariston.
Per quanto riguarda i concorsi Internazionali, anche quest'anno saranno premiati direttamente dal pubblico e cercheranno di documentare i segnali di tendenza più originali provenienti dai paesi dell'Europa centro-orientale.
8 i titoli per i lungometraggi, 17 i cortometraggi e 18 i documentari dai temi eterogenei.

Anche quest'anno ci sarà una parentesi non competitiva di cinema d'animazione (11 cortometraggi), il Premio Corso Salani che attribuirà 10.000 euro ad uno dei cinque progetti selezionati, l'appuntamento con When east meets west ovvero il meeting organizzato insieme al Fondo per l'Audiovisivo del FVG che quest'anno ha avuto un gran successo con ben 182 progetti da 29 nazioni europee e il progetto Eastweek che porterà a Trieste una ventina di giovani registi, produttori e sceneggiatori che condivideranno la loro esperienza con il pubblico.
Ad arricchire l'edizione 2012 la sezione Zone di cinema, ormai appuntamento indipendente e di professionisti, che darà spazio e visibilità alla produzione locale e ai molteplici fermenti che la caratterizzano; per l'occasione vi sarà anche la proiezione dell'unica testimonianza esistente al mondo della visita del Principe Carlo I d'Austria a Trieste nel 1917 ovvero un piccolo frammento di pellicola rinvenuto a casa del Dott. Cesare Valle.

Inoltre vi sarà un omaggio alla Wajda School, uno a Grzegorz Królikiewicz , uno spazio dedicato ai film a tematica musicale (Muri del suono), una serata speciale al Miela che vedrà la sul grande schermo Dad made dirty movies di Jordan Todorov e, per ricordare la Giornata della Memoria, il 25 si assisterà in anteprima al documentario Holtak Országa (Il paese dei morti) di Sándor Lász e Róbert Kollár, alla presenza dei registi e di Annamaria Háberman.

Da sottolineare quest'anno anche vari incontri-aperitivi con gli autori presso alcuni caffè del centro e l'uscita dell'attesa monografia "Il coraggio della cinefilia. Scrittura e impegno nell'opera di Callisto Cosulich", a cura di Elisa Grando e Massimiliano Spanu (edito da Eut - Edizioni Università di Trieste).
"? un programma estremamente ricco e articolato" afferma ammirato il Sindaco Cosolini alla presentazione del Festival, "si nota inoltre il grande sforzo di integrazione con la Città, il darsi, tra componenti diverse, reciprocamente delle opportunità è e sarà fondamentale per la crescita di Trieste". Per maggiori informazioni sul Festival e conoscere il programma completo www.triestefilmfestival.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal 19 al 25 gennaio e' Trieste Film Festival

TriestePrima è in caricamento