menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dopo otto anni la Pallacanestro Trieste Torna in Lega due Grazie alla Vittoria su Chieti 67-60

Un’intera stagione in 40 minuti. Questa la sintesi (senz’altro banale) di questa gara 5 per la conquista dell’ultimo posto disponibile per la LegaDue. Dopo quattro gare i biancorossi triestini e quelli teatini si conoscono a memoria per cui...

Un'intera stagione in 40 minuti. Questa la sintesi (senz'altro banale) di questa gara 5 per la conquista dell'ultimo posto disponibile per la LegaDue. Dopo quattro gare i biancorossi triestini e quelli teatini si conoscono a memoria per cui sarà una gara tutta cuore e nervi e la squadra che riuscirà ad interpretare meglio l'incontro sarà quella che si aggiudicherà il posto in paradiso. Il Palatrieste si presenta quasi esaurito con una cinquantina di tifosi giunti dall'Abruzzo; il frastuono è assordante: sembra di stare nel palazzetto di Atene quando gioca il Panatinaikos.

Spinti da un pubblico eccezionale i ragazzi di Dalmasson applicano una difesa individuale che riesce a contenere l'attacco teatino; grazie ad alcune buone iniziative di Gandini e Ferraro l'Acegas riesce a chiudere il primo quarto avanti di 6 punti, 18-12 con assoluta supremazia ai rimbalzi (13 a 4)

Nel secondo quarto passano due minuti e mezzo prima che una delle due squadre muova il punteggio. L'Acegas è imprecisa al tiro e non sfrutta l'occasione di allungare. Chieti, con un parziale di 7-0 si riporta a -1 (22-21). Nell'ultimo minuto del periodo, grazie ad una tripla di Carra e ad un canestro di Zaccariello sulla sirena Trieste chiude avanti di 5 a metà gara 30-25. Miglior marcatore per i triestini è al momento Ferraro con 10 punti, seguito da Gandini con 8. Percentuali al tiro non esaltanti ma ben 10 rimbalzi catturati in più: 25 contro 15.

Il terzo quarto inizia con quattro punti consecutivi di Rajola che riporta Chieti a -1 ma ci pensa Moruzzi con cinque punti consecutivi ed una tripla di Zaccariello a riportare Trieste avanti di 9 punti (38-29). Chieti si fa nuovamente sotto con un parziale di 6-0, e poi con una tripla di Diomede si riporta a -1 ma ci pensa Carra con due triple ed un libero a riportare Trieste in vantaggio di 5 alla fine del terzo quarto (49-44).

Un'altra tripla di Carra ed un canestro da sotto di Maganza e i ragazzi di Dalmasson si riportano a +10. Entrambe le squadre commettono errori in attacco ma i teatini nn demordono e, con un parziale di 5-0, si riportano sotto (59-54). Il palazzetto è una bolgia ed esplode quando Ferraro infila la tripla del +8 a meno di un minuto dalla fine. Ferraro recupera un importante rimbalzo e realizza uno dei due liberi . Negli ultimi 30 secondi Chieti realizza con Rossi e ricorre al fallo sistematico su Carra che realizza un 4 su 6 che mantiene Chieti a distanza e consente alla Pallacanestro Trieste di vincere 67-60. Festosa invasione del pubblico triestino e giocatori praticamente in mutande. Miglior realizzatore per Trieste Carra con 20 punti, seguito da Ferraro con 14. Per gli ospiti Rossi con 18 e Raschi con 13. Circondato dal pubblico entusiasta, tocca a capitan Moruzzi il rito del taglio della retina del canestro avversario. Onore a Chieti che si è battuta fino all'ultimo secondo. La Pallacanestro Treiste ritorna, dopo otto anni, nel basket che conta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Ricette tipiche della Carnia: i Cjarsons

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il Fvg resta in zona arancione

  • Cronaca

    Covid: i guariti superano i contagi, in calo terapie intensive e isolamenti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento