menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Errori dei Padri e Malesseri dei Figli in "la Restituzione" Oggi alla Libreria Lovat

"Le persone della mia generazione vivono nell'inconscia convinzione che il mondo finirà con loro”. Riflessione da cui parte Francesco Stoppa nel suo recente saggio “La Restituzione. Perché si è rotto il patto tra le generazioni” (Feltrinelli...

"Le persone della mia generazione vivono nell'inconscia convinzione che il mondo finirà con loro". Riflessione da cui parte Francesco Stoppa nel suo recente saggio "La Restituzione.

Perché si è rotto il patto tra le generazioni" (Feltrinelli, 2011) per proporre un'originale lettura dell'infanzia e dell'adolescenza, delle contraddizioni degli adulti d'oggi e del disagio moderno.

Di questi temi Francesco Stoppa parlerà giovedì 16 febbraio (ore 18,00) alla Libreria Lovat di Trieste (Viale XX settembre, all'ultimo piano dello stabile OVS), presentando il libro con gli interventi di don Mario Vatta e Claudia Dominguez.

La tesi di Stoppa è che il diffuso malessere delle giovani generazioni rileva le dinamiche profonde della società, delle strutture familiari e in generale delle relazioni intersoggettive contemporanee.

E nel suo libro offre un percorso ricchissimo d'interpretazioni, intuizioni e suggestioni che attraversa la formazione di tre generazioni: quelle dei baby boomers (i nati negli anni cinquanta e sessanta), dei loro padri e dei loro figli.

Secondo l'autore, ogni generazione reca in sé un mondo di valori, ma anche l'insieme delle esperienze e dei superamenti di momenti critici che consentono al bambino di diventare adulto, un certo adulto e un certo essere sociale.
Attraverso questo bagaglio di valori ed esperienze, in parte trasmessogli dai genitori, in parte frutto delle proprie prese di coscienza, che il bambino di ieri oggi divenuto a sua volta padre crescerà la nuova generazione dei figli: un "patto" intergenerazionale che consente il passaggio di testimone da una generazione all'altra e permette di "restituire" alle nuove generazioni ciò che si è ricevuto dai propri padri.

Oggi questo patto si è infranto: sembra esistere un'unica generazione giovane per sempre, un pensiero unico, un solo tempo (l'eterno presente del life is now), un mondo senza confini. Senza passaggio di testimone, però, la corsa si arresta e le identità si indeboliscono e si atrofizzano. Capire come e perché ciò sia avvenuto è il tema del libro. Invitare i genitori di oggi a fare un passo indietro, a lasciare che sia la generazione dei figli a decidere del proprio futuro è uno dei suoi messaggi.


Francesco Stoppa coordina l'Area riabilitativa del Dipartimento di salute mentale di Pordenone e svolge attività di supervisione presso servizi pubblici e cooperative sociali.
E' analista membro della Scuola di psicoanalisi dei Forum del Campo lacaniano e docente dell'Istituto ICLeS per la formazione degli psicoterapeuti, nonché autore di numerose e fortunate publicazioni.


Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Brodo brustolà", antica ricetta della tradizione contadina triestina

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Report Iss, Riccardi: "In Fvg dati da zona gialla"

  • Cronaca

    Draghi approva il nuovo decreto: resta il coprifuoco alle 22

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento