Addio a Franco Janich, fu diesse in rossoalabardato

Si è spento all'età di 82 anni l'udinese campione d'Italia con il Bologna. A Trieste una breve parentesi da dirigente

Si è spento questa mattina, all’età di 82 anni, Franco Janich, friulano ex calciatore e dirigente sportivo, colonna del Bologna dal 1961 al 1972: giocò 376 partite in rossoblù (294 in Serie A più lo spareggio dell’Olimpico, 40 in Coppa Italia, 41 in Europa), vincendo uno scudetto (1963-64), una Coppa Italia (1969-70) e una Mitropa Cup (1961).

Scudetto

Nato a Udine il 27 marzo 1937 e cresciuto come stopper nello Spilimbergo in IV Serie, esordisce in Serie A con l’Atalanta prima di trasferirsi alla Lazio di Fulvio Bernardini, con cui vince una Coppa Italia. E’ proprio l’allenatore romano a volerlo al Bologna al momento del suo passaggio sulla panchina rossoblù. E al Bologna Janich arretra il suo raggio d’azione, trasformandosi in libero e formando con l'aquileiese Paride Tumburus una coppia di centrali imperforabile. Nel 1964, assieme al morteglianese Ezio Pascutti, conquistano uno storico scudetto nello spareggio contro l'Inter del mago Helenio Herrera.

Bologna

Grande e grosso, bravo nell’anticipo, formidabile di testa, viene soprannominato l’Armèri, l’armadio in dialetto bolognese. I tifosi ne apprezzano non solo le qualità sul campo, ma anche l’arguzia e la simpatia con cui conquista tutti, anche chi per ragioni anagrafiche lo conosce solo a fine carriera. Stabilitosi a Nemi, nella campagna laziale, Janich infatti torna spesso a Bologna, finché la salute glielo consente, per salutare i vecchi amici e respirare il profumo di una città che gli è rimasta nel cuore. Quella città che oggi lo piange come uno dei figli più cari.

Dirigente

Una volta terminata la carriera da giocatore Janich inizia quella da dirigente. È stato direttore generale del Napoli dal 1972 al 1976 e dal 1978 al 1980. In mezzo ha passato un anno a Como come direttore sportivo, tornando poi nello stesso ruolo anche alla Lazio. L'anno successivo diventa diesse della Triestina. Nel 1986, da direttore sportivo del Bari, è coinvolto nello scandalo delle calcioscommesse, pagando con sei mesi di squalifica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

Torna su
TriestePrima è in caricamento