menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Jazz Stasera al Knulp con " People Places & Things "

Martedì 4 dicembre alle ore 21.00 presso il Knulp di via della Madonna del Mare 7/a a Trieste  è di scena per la stagione concertistica del Circolo del Jazz Thelonious il quartetto “People Places & Things”, capitanato dal batterista e compositore...

Martedì 4 dicembre alle ore 21.00 presso il Knulp di via della Madonna del Mare 7/a a Trieste è di scena per la stagione concertistica del Circolo del Jazz Thelonious il quartetto "People Places & Things", capitanato dal batterista e compositore Mike Reed, con Tim Haldeman e Greg Ward ai sassofoni e Jason Roebke al contrabbasso.
La scena di Chicago ha sempre fornito le coordinate più stimolanti per i linguaggi del jazz, dagli anni '20 fino a oggi, passando per la fondamentale esperienza dell'AACM (Association for Advancement of Creative Musicians), di cui Mike Reed è il vice presidente.

Trentacinquenne nato in Germania ma americano dell'Illinois, Reed è cresciuto in una cittadina vicino Chicago, e rappresenta con chiarezza l'attuale "new wave" della Windy City; una cerchia di musicisti ben radicati nella tradizione della musica nera, ma con una evidente attitudine alla sua rielaborazione critica, per dar forma a nuovi linguaggi. Non più musicisti pionieri dell' ignoto e dei nuovi timbri (come i maestri Muhal Richard Abrams, Roscoe Mitchell, Anthony Braxton), ma comunque eredi di una mentalità aperta e in divenire, che conferma valori come la cooperazione musicale e l'istinto sperimentale, ma che vede nella lezione del passato un riferimento imprescindibile.
I due sassofonisti Tim Haldeman e Greg Ward sono tra le voci più fresche di questa nuova generazione di musicisti, il bassista Jason Roebke partecipa a molte avventure dei gruppi più all'avanguardia a Chicago.
Nato come band che per studiare e reinventare parte di un repertorio poco conosciuto dal pubblico del jazz, quello cioè della scena di Chicago della seconda metà degli anni '50, il quartetto è diventato in pochi anni una delle formazioni cardine del jazz di oggi.
Oltre ai componenti stabili del gruppo, People Places & Things ha ospitato solisti del calibro di Bobby Bradford, David Boykin e Roscoe Mitchell, ma quello che colpisce il pubblico è la grande flessibilità del quartetto, che sintetizza la tradizione e l'innovazione con grande naturalezza.
Info: 320-0480460 / www.thelonious-trieste.com

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento