menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'Alma supera 81-73 l'Extralight Montegranaro chiudendo nel migliore dei modi il girone d'andata

Complicata e sofferta vittoria dei biancorossi, trascinata da Cavaliero e Baldasso. Tra le seconde vince solamente (e di misura) la Fortitudo Bologna

L’ultima giornata di andata del campionato di pallacanestro di Serie A2 2017/18 “Old Wild West” Girone Est ha proposto all’Alma Arena l’incontro giustamente definito “di alta quota” tra la capolista Alma Pallacanestro Trieste e la XL Extralight Montegranaro, seconda assieme a Fortitudo Bologna e GSA APU Udine. Motivazioni per le due compagini: Trieste per cancellare in fretta la sconfitta nel derby; Montegranaro per conquistare un posto nella final-eight di Coppa Italia. Alla fine è stata l’Alma ad imporsi sulla coriacea formazione marchigiana con il punteggio di 81-73, virando a 26 punti la boa di metà campionato, con la Fortitudo a -4 e Montegranaro ed Udine a -6. Primi due quarti equilibrati mentre nel terzo periodo prima Cavaliero con Green  e poi le bombe di Baldasso hanno scavato il primo break importante (63-49 alla fine del penultimo quarto). Nell’ultimo periodo l’Alma ha allungato ancora con alcune invenzioni di Cavaliero fino al +20 (77-57) mollando nel finale e consentendo a Montegranaro di rientrare fino al -6. La lucida gestione dei secondi finali ha consentito però ai biancorossi di mantenere il vantaggio di 8 punti con il quale si è chiuso l’incontro. In sala stampa coach Ceccarelli di Montegranaro ha elogiato la squadra triestina che sa attaccare bene quanto difendere ed un plauso anche alla società giuliana che ha costruito questa squadra. Complimenti però anche a suoi ragazzi che hanno reso la vita difficile alla capolista, che nei minuti finali ha dovuto far rientrare i titolari per contenere il ritorno della Extralight. Parola quindi a Cavaliero che si aspettava questo tipo di partita con Montegranaro, squadra con giocatori di talento. È molto contento di aver superato la seconda in classifica e, ad una specifica domanda sul prosieguo del campionato, ha affermato che i primi che possono batterci siamo noi stessi; se non giochiamo la nostra pallacanestro possiamo infatti perdere con chiunque. Siamo una squadra che deve essere sempre concentrata e dare ogni giorno il massimo. Per coach Dalmasson è stata una vittoria meritata e sofferta con Trieste che ha saputo ben contenere gli avversari, mantenendo la loro media dalla lunga distanza sotto il 30% (7 su 24 da tre punti) con una positiva applicazione complessiva nella fase difensiva. Dalmasson si è soffermato infine sulla prestazione di Green, che deve imparare a gestire la sua partita proprio in questo tipo di gare, elogiandolo sulla concreta prestazione difensiva operata su Corbett. Alla fine il tabellino parla di 19 punti, 5 rimbalzi e 4 assistenze per Cavaliero, 13 punti per Bowers, 11 per Baldasso e 10 per Green con 6 rimbalzi recuperati. Per Montegranaro 23 punti di Powell, 18 punti e 10 rimbalzi per Amoroso e 16 punti per Corbett. Davanti a 5430 spettatori l’Alma Trieste parte con Fernandez, Green, Cavaliero, Da Ros e Bowers; la Extralight Montegranaro schiera Rivali, Corbett, Amoroso, Powell e Gueye. Dopo un paio di errori da ambo le parti rompe il ghiaccio Amoroso dall’arco con risposta di Bowers dalla media. Parziale di 4-0 esterno con i liberi di Amoroso ed il canestro di Corbett (2-7). Pronta la reazione dei ragazzi di coach Dalmasson che producono un parziale di 9-0 con tripla finale di Bowers (11-7). La difesa triestina lascia troppo spazio a Powell, che la punisce con 5 punti consecutivi, recuperati da Fernandez con una tripla infilata dopo un recupero di un rimbalzo lungo. Il buon canestro di Bowers dà il più quattro ma la coppia Corbett e Powell rimette la sfida in parità alla prima sirena (18-18). All’inizio del secondo quarto è ancora Corbett a riportare in vantaggio i marchigiani a cui segue la tripla di Cittadini con Amoroso che risponde con la stessa moneta. Prandin con quattro punti consecutivi consente all’Alma di rimettere la testa avanti. Baldasso, Prandin e Green danno un nuovo vantaggio per Trieste (31-25) ma Montegranaro ricuce riportando l’incontro in parità con Amoroso, Corbett e Powell. Proteste del pubblico nei confronti della terna arbitrale, rea di aver interrotto con ritardo un’azione giuliana a causa di un colpo subito da Rivali, negando di fatto una tripla messa a segno da Cavaliero. Nel finale di periodo Cavaliero e Da Ros con un rimbalzo in attacco su due liberi sbagliati da Green (fatto questo inconsueto) danno il +5 per i biancorossi ed il 40-35 sul quale si chiude la prima metà di gara. Alla ripresa delle ostilità si vede un’Alma più concentrata che riesce ad allungare con Cavaliero, Fernandez e Green fino al +13 (51-38) con coach Ceccarelli costretto a chiamare time-out per frenare in qualche modo la superiorità biancorossa sul parquet. Da segnalare una buona gestione di una rimessa con due secondi da spendere, con assist di Cavaliero per la correzione volante a canestro di Green. Le due bombe di Baldasso tengono a distanza Montegranaro, che si trova sotto di 14 punti alla fine del terzo periodo (63-49). Nell’ultimo quarto sono ancora Cavaliero e Baldasso a creare un importante vantaggio sulla squadra marchigiana che, con i due punti di Bowers, scivola a -20 (77-57). A questo punto i ragazzi di Dalmasson non mantengono la dovuta concentrazione, subiscono un parziale di 16-3 e Montegranaro si avvicina seriamente arrivando a -6 a circa mezzo minuto dalla fine. Cavaliero e Fernandez fanno un complessivo 50% dalla lunetta e l’Alma si aggiudica per 81-73 questa gara fondamentale per il campionato di vertice dei biancorossi. Appuntamento fissato per domenica 14 gennaio, nuovamente all’Alma Arena contro la Pallacanestro Orzinuovi per continuare nel migliore dei modi questo straordinario campionato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento