menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Pallamano Trieste Perde di Misura con Bressanone 21-22

Per la quinta giornata del girone di ritorno del campionato di serie A d’Elite, la Pallamano Trieste ospita al Palachiarbola la Forst di Bressanone; è una partita che rievoca i campionati degli anni ’80 e ‘90, nei quali le due squadre si sono...

Per la quinta giornata del girone di ritorno del campionato di serie A d'Elite, la Pallamano Trieste ospita al Palachiarbola la Forst di Bressanone; è una partita che rievoca i campionati degli anni '80 e '90, nei quali le due squadre si sono incontrate innumerevoli volte nei turni di play-off scudetto.

Ricordiamo la finale scudetto 1984-1985 con Trieste Campione d'Italia e che Bressanone ha conquistato i suoi due scudetti proprio contro Trieste nei campionati 1990-1991 e 1991-1992).

Attualmente le due squadre sono appaiate al quinto posto con 27 punti ma Trieste deve recuperare la partita in Trentino contro il fanalino di coda Mezzocorona.

Tra i ragazzi di Bozzola è ancora indisponibile Nadoh, pedina fondamentale del gioco dei biancorossi ma anche Bressanone deve rinunciare a Stuffer. La pallamano Trieste è chiamata a vincere questo incontro per mantenere il contatto con la parte alta della classifica e soprattutto per dimenticare le due sconfitte casalinghe patite contro Noci e Conversano.

PRIMO TEMPO
Trieste segna la prima rete con Radojkovic dopo circa un minuto di gioco ma Bressanone risponde con due reti; segna ancora Radojkovic (un rigore ed un tiro su azione) ed Oveglia e Trieste si porta sul 4-2. I ragazzi di Bozzola sbagliano alcuni tiri ed è bravo in alcune occasioni anche il portiere ospite Michaeler. In difesa le parate di Modrusan sono talvolta inutili perché concedono un secondo tiro agli altoatesini che, in qualche occasione, riescono a realizzare. La Forst Bressanone si porta in vantaggio di tre reti quando mancano circa cinque minuti alla fine del primo tempo; due reti di Anici (una su rigore) e la rete di Kammerer per gli ospiti chiude il periodo con la Forst avanti di due reti, 9-11.

SECONDO TEMPO
Parte bene Trieste che con le reti di Oveglia, Visintin e Di Nardo dopo due minuti e mezzo si porta avanti 12-11. La partita è equilibrata: i biancorossi segnano con Radojkovic e Visintin ma gli ospiti rispondono con due reti e si riportano avanti di una rete e questo vantaggio si mantiene fino al sedicesimo minuto del secondo tempo: il nostro portiere Zaro entra per parare il rigore di Nikolic e riesce nell'intento; i ragazzi di Bozzola segnano tre reti consecutive con Oveglia, Radojkovic e Sirotic.

E' un buon momento per Trieste che riesce a mantenere, grazie a Visintin, due reti di vantaggio quando mancano 10 minuti alla fine dell'incontro (20-18). Purtroppo I biancorossi non riescono più a segnare, complici anche alcune parate del portiere ospite, mentre i biancoverdi ospiti segnano quattro reti consecutive e si portano sul 20-22. Visintin si vede neutralizzare un rigore a poco meno di due minuti dalla fine.

Bressanone sbaglia in attacco e Trieste segna con Oveglia la rete del -1 e riesce anche a recuperare il pallone del possibile pareggio, con conseguente appendice dei tiri di rigore. Bozzola chiama time-out a 34 secondi dalla fine per organizzare l'ultimo decisivo assalto: la difesa di Bressanone riesce a contenere l'attacco biancorosso ed il tiro di Visintin all'ultimo secondo, deviato dal portiere sopra la traversa, sancisce la terza sconfitta casalinga per Trieste (21-22) mentre i giocatori ospiti vanno a ringraziare i loro tifosi venuti dall'Alto Adige per sostenere la squadra biancoverde.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento