menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Marco Masini in Concerto Domani al Bobbio

La lunga Stagione 2011/2012 della Contrada-Teatro Stabile di Trieste si conclude con un evento eccezionale fuori abbonamento. Giovedì 17 maggio farà infatti tappa al Teatro Bobbio il concerto del nuovo tour di Marco Masini: “Niente d’importante...

La lunga Stagione 2011/2012 della Contrada-Teatro Stabile di Trieste si conclude con un evento eccezionale fuori abbonamento. Giovedì 17 maggio farà infatti tappa al Teatro Bobbio il concerto del nuovo tour di Marco Masini: "Niente d'importante Tour 2012".
Il nuovo tour di Masini, partito a fine marzo da Pescara, prende il nome dall'omonimo disco "Niente d'importante", prodotto da Joe&Joe e distribuito da Edel, uscito il 27 settembre scorso, a tre anni di distanza da "L'Italia... e altre storie".
"Niente d'importante" contiene 12 brani dove si respira una maturità introspettiva e una voglia di raccontarsi senza paure: un album dove, molto più che nei precedenti lavori del cantantautore fiorentino, si ritrova tutta l'essenza umana e artistica di un uomo sempre alla ricerca e in discussione con se stesso che, complice la calda e ruvida voce di Marco Masini, arriva direttamente alle corde dell'anima.
Nel "Niente d'importante Tour 2012" - che tocca sedici città tra cui Roma, Firenze, Milano, Bologna, Napoli, Catania, Genova e Trieste - Marco Masini sarà accompagnato, oltre che dal suo fedele pianoforte, anche dalla sua band di cinque musicisti: Massimiliano Agati alla batteria, Cesare Chiodo al basso, Stefano Cerisoli alla chitarra elettrica, Riccardo Cherubini alla chitarra elettrica ed acustica e Antonio Iammarino al pianoforte e tastiere.

Nato a Firenze nel 1964, Marco Masini inizia giovanissimo a studiare musica (classica, pop e rock). Ben presto inizia a comporre brani pop, ma inizialmente incontra qualche difficoltà nel presentare i propri pezzi alle case discografiche poiché non possiede la "faccia dell'artista", a detta dei vari direttori artistici che reputano il suo stile piuttosto atipico. La svolta arriva nell'86, grazie all'incontro con Beppe Dati e Giancarlo Bigazzi: collabora alle colonne sonore di alcuni film di successo, esegue la voce guida di "Si può dare di più", diventa concertista dal vivo nelle tournée di Umberto Tozzi e di Raf.

Nel 1990 arriva la popolarità: Bigazzi produce Masini facendolo partecipare al Festival di Sanremo con "Disperato", dove vince nella sezione Giovani, successo bissato l'anno seguente con il terzo posto di "Perché lo fai", il singolo più venduto in assoluto in Italia e in Francia nel 1991. Tra i successi sanremesi, le vendite dei primi due album ("Marco Masini" e "Malinconoia"), la vittoria al Festivalbar nel 1991, Masini diventa uno dei cantanti italiani più popolari di quegli anni.

Da quel momento, per un intero decennio, la carriera di Masini sarà un continuo altalenarsi di successi discografici (come "T'innamorerai" e "Il cielo della Vergine") e delusioni personali. Il cantante infatti diventa protagonista di una totale spaccatura fra i media e il pubblico, fenomeno assolutamente inconsueto: mentre il numero dei suoi fan aumenta in tutta Europa, si crea una strana corrente di pensiero che accusa l'artista di eccessivo pessimismo (cui Masini risponde nel 1993 con la canzone "Vaffanculo", sfogo sincero e coraggioso contro i suoi denigratori). Ma la pressione mediatica contro Masini si aggrava spingendolo nel 2001 a ritirarsi dalle scene.

Strenuamente sostenuto dai suoi numerosi fan (che per dimostrargli la propria solidarietà arrivano persino a dedicargli una canzone), il cantautore fiorentino ritorna a cantare nel 2003 con l'album "Il mio cammino", seguito nel 2004 da "L'uomo volante": con questa canzone presentata a Sanremo, Masini trionfa al televoto, vince il premio della commissione artistica per il miglior testo e quello assegnato dalla Sala Stampa Radio e TV Private. È un nuovo Masini, più maturo e introspettivo, quello dell'album "Masini" (riedizione de "Il mio cammino"), grazie al quale il cantante rientra nel cuore della gente, scalando le classifiche di vendita e di airplay radiofonico.

Rinfrancato dal calore del suo pubblico, Masini sforna un progetto dietro l'altro: "Nel mondo dei sogni" presentata a Sanremo nel 2005; il progetto di collaborazione con Umberto Tozzi nel 2006 (da cui nasce l'album e il tour "Tozzi Masini"); la rielaborazione in acustica de "Il brutto anatroccolo" di Andersen nel 2007. Nel 2009 Masini torna al Festival di Sanremo con la canzone "L'Italia", che anticipa di pochi giorni l'uscita de "L'Italia... e altre storie", l'ultimo album di inediti prima di "Niente d'importante", pubblicato lo scorso settembre.

Carriera e vita spesa per la musica, Marco Masini le celebra invece nel 2010 con l'album "Un palco lungo? 20 anni": un doppio CD con 23 dei suoi pezzi migliori e un DVD con il concerto live tenutosi al Nelson Mandela Forum di Firenze.
Mentre un infaticabile Masini è già al lavoro sul prossimo disco, il "Niente d'importante Tour 2012" viaggia per l'Italia portando il suo messaggio: il percorso nel "pianeta amore" di un artista che ancora ricerca il senso della vita attraverso l'unica ragione di vita che ognuno di noi ha: amare per essere amato.

Il concerto di Marco Masini sarà in scena a Trieste giovedì 17 maggio alle 21.00.
Biglietto unico 25 euro (più 2 euro di prevendita). Informazioni e prevendita dei biglietti: Teatro Bobbio e TicketPoint. Prevendita On Line: Circuito VIVATICKET by Charta (vivaticket.it).
Informazioni: 040.390613; contrada@contrada.it; www.contrada.it.


Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento