Sport

Montegranaro mai doma: l'Alma vince in rimonta 80-79 ed ora conduce 2-0 la serie

Due liberi messi a segno da Green a 12 secondi dalla fine regalano alla formazione triestina una sofferta ma importante vittoria

All’Alma Arena è andata in scena gara-2 dei quarti di finale playoff A2 “Old Wild West” tra l’Alma Pallacanestro Trieste e la Extra Light Montegranaro: vittoria di misura 80-79 per i biancorossi che ora conducono 2-0 nella serie. Coach Dalmasson schiera Janelidze tenendo fuori capitan Coronica; per Ceccarelli stessa formazione di domenica con lo statunitense Powell recuperato. Coreografia iniziale tutta dedicata a Sveva e squadre unite nel suo nome durante l’Inno di Mameli. Trieste parte con Green, Mussini, Cavaliero, Da Ros e Bowers; Montegranaro risponde con Campogrande, Maspero, Corbett, Amoroso e Powell. L’Alma parte con lo stesso sprint dell’ultimo quarto di gara1 mandando fuori giri Montegranaro: parziale iniziale di 16-0 con tutto lo starting-five a segno. Amoroso rompe il ghiaccio per i suoi con una tripla, quando sono trascorsi poco più di sei minuti di gara. Segna Green mentre dall’altra parte Powell non concretizza appieno il canestro più libero supplementare. La tripla di Bowers riporta Trieste a +16 ma Amoroso conquista un canestro + libero aggiuntivo che realizza per il 21-8 con il quale si chiude il primo quarto. Nel secondo quarto, dopo i due punti di Cittadini è ancora Amoroso a colpire dalla distanza. Janelidze e Da Ros riportano i biancorossi a +16. Dopo i liberi di Gueye la tripla di Amoroso del -11 (27-16). Dopo il canestro di Prandin è la formazione di Dalmasson a soffrire la pressione difensiva di Montegranaro perdendo numerosi palloni: i marchigiani recuperano in velocità il divario con un parziale di 11-0 firmato da Amoroso e Powell per il -5. La tripla di Bowers è ossigeno puro per la formazione giuliana ma la coppia statunitense della Extra Light confeziona un altro parziale di 7-0 che vale il primo vantaggio esterno (34-32). I liberi realizzati da Janelidze nei secondi finali del secondo quarto mandano a riposo le due squadre in parità (34-34). Al rientro in campo al canestro di Corbett risponde Cavaliero dalla distanza. Con un parziale di 7-0 Montegranaro cerca di allungare: ad un canestro più libero aggiuntivo di Cittadini risponde Powell in modo analogo. La tripla di Mussini ricuce lo svantaggio ma le due bombe della premiata ditta Corbett & Powell danno il primo vantaggio esterno in doppia cifra (43-53). Cittadini e Fernandez mettono un complessivo 3 su 4 a cronometro fermo mentre i marchigiani si portano a +11 con l’ennesimo canestro di Powell. Una parziale rimonta nel finale di periodo, con i liberi di Mussini ed i canestri di Fernandez e Green fa rifiatare i ragazzi di Dalmasson che ritornano a -5 (52-57) alla penultima sirena. Sei punti consecutivi di Amoroso vanificano quanto fatto in precedenza dai biancorossi, che vengono ricacciati a -11. Reazione biancorossa con i liberi di Green e 4 punti consecutivi di Da Ros per il nuovo -5 (58-63). La battaglia finale vede protagonisti Corbett per Montegranaro e Green, Cavaliero e Bowers per Trieste: difesa dura sui marchigiani e palla recuperata con il canestro del -2 di Da Ros. L’Alma Arena a questo punto è una bolgia, che esplode a quaranta secondi dalla fine sulla tripla dall’angolo di Mussini che vale il nuovo vantaggio giuliano (78-77) con immediato time-out chiamato da Ceccarelli. Nell’azione successiva Campogrande trova da sotto il canestro del nuovo sorpasso quando mancano 19 secondi alla sirena finale. Nuovo time-out – questa volta chiesto da Dalmasson. Azione costruita per l’incursione di Green che si procura due liberi a 12 secondi dalla fine, entrambi messi a segno. Esauriti i time-out per Montegranaro, i marchigiani non riescono a concretizzare l’ultima azione ed è festa per i biancorossi in campo e per i tifosi sugli spalti. In sala stampa Ceccarelli elogia ad alta voce la sua squadra, sottolineando l’orgoglio che ha questa squadra e tutto lo staff in generale, un gruppo che non si accontenta mai. Dopo i cinque minuti iniziali nessuno si sarebbe aspettato una partita punto a punto, con una difesa che ha messo in difficoltà la migliore squadra del campionato. Per coach Dalmasson è stata una partita strana, con un inizio straordinario per la sua squadra che ci ha fatto pensare inconsciamente di averla portata a casa. Tutto ci ha fatto andare in confusione ed abbiamo smesso di giocare assieme. Nella bagarre finale si è giocato con un po' di paura ma anche con grande mentalità. Ci aspetta una difficile gara-3 a casa loro, che hanno però le spalle al muro. Migliori marcatori per Trieste sono stati Green con 17 punti ed 8 rimbalzi, Bowers con 15 punti, Mussini con 13 e Da Ros con 10 con un dato negativo di 6 palle perse. Per Montegranaro 26 punti per Amoroso e 25 per Powell, mentre Corbett si è fermato a 16. Gara 3 si disputerà giovedì 18 maggio alle ore 21.00 al PalaSavelli di Porto San Giorgio (FM).      

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Montegranaro mai doma: l'Alma vince in rimonta 80-79 ed ora conduce 2-0 la serie

TriestePrima è in caricamento