Pallacanestro, siglata partnership tra Alma Trieste e Azzurra Basket

La società di via Flavia ha stipulato una partnership con Azzurra Basket, fucina di giovani prospetti rivelatisi negli anni giocatori di caratura nazionale ed internazionale

Nell'ambito della crescita dei giovani talenti del territorio, uno dei punti focali della mission di Alma Pallacanestro Trieste sottolineata dal claim 'cresciamo insieme', la società di via Flavia ha stipulato una partnership con Azzurra Basket, fucina di giovani prospetti rivelatisi negli anni giocatori di caratura nazionale ed internazionale. L'accordo è stato sottoscritto nella sala stampa del PalaRubini Alma Arena dall'Amministratore Delegato di Alma Pallacanestro Trieste, Gianluca Mauro, e dal Presidente di Azzurra Basket Trieste, Claudio Colusso, alla presenza dei vertici di entrambe le società.

Matteo Schina, play classe 2001 approdato la scorsa settimana alla corte di Eugenio Dalmasson, è solo l'ultimo di una nidiata di talenti cresciuti nell'Azzurra Basket e in seguito approdati in maglia biancorossa. Una sinergia che, trattandosi di giovani prospetti, evidenzia anche il fondamentale trait d'union rappresentato da BaskeTrieste, società satellite nonché settore giovanile della prima squadra biancorossa. Tutto questo è motivo di soddisfazione e prima ancora grande opportunità di crescita, come spiegato da coach Alessandro Nocera, responsabile tecnico del settore giovanile biancorosso:

«La nostra mission è quella di allenare i migliori prospetti del territorio e costruire ottimi rapporti con le società dalle quali provengono - spiega Nocera - nell'ambito di un percorso che passa dalla selezione dei talenti, alla loro crescita tecnica ed umana, collaborando spalla a spalla con Eugenio Dalmasson per proseguire al meglio il lavoro iniziato in questo caso da Azzurra Basket. Un percorso - prosegue coach Nocera - atto a valorizzare nel miglior modo possibile i talenti di Trieste, consolidando e sviluppando ulteriormente la grande tradizione di questa città in fatto di basket giovanile. Caratteristica che è parte integrante del dna di Azzurra Basket e che ci permette di affermare senza alcun dubbio - conclude Nocera - di essere molto contenti di questa partnership».

Soddisfazione inequivocabile sotto tutti i punti di vista, come spiegato dal Direttore Sportivo di Azzurra Basket, Franco Cumbat: «Siamo orgogliosi di questa collaborazione - esordisce il DS azzurro - un rapporto che negli anni ha visto approdare alla Pallacanestro Trieste e a BaskeTrieste giocatori come Tonut, Ruzzier, Bossi, Gobbato e Urbani, solo per citarne alcuni. L'approdo di Matteo Schina nel principale club cittadino non dev'essere soltanto motivo di grande soddisfazione per noi, ma anche forte incentivo per i nostri giovani, perché il caso di Matteo è la dimostrazione delle possibilità di entrare un domani concretamente a far parte di Pallacanestro Trieste».

Una partnership che trova basi più che solide nel rapporto di stima tra il DS Cumbat e il coach dell'Alma, Eugenio Dalmasson: «Sono a maggior ragione contento per noi e soprattutto per Matteo Schina - spiega Cumbat - Sotto l'aspetto dello sviluppo tecnico ed umano Dalmasson ha dimostrato ampiamente e continua a dimostrare capacità di grandissimo allenatore, mi fido ciecamente di lui e per questo sono oltremodo felice. Mi auguro questo sia solo l'inizio di un rapporto di collaborazione che possa durare per tanti anni».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il DS azzurro conclude poi con un breve profilo del nuovo arrivo in casa biancorossa: «Trieste è sempre stata città particolare in quanto fucina di play come nessun'altra in Italia, Matteo Schina ne è fulgido esempio. Sono convinto possa fare bene e costruirsi un futuro importante anche grazie a una splendida famiglia, presente e mai invadente nelle scelte del proprio figlio. Pensando al padre, molto conosciuto visti i successi nella pallamano, posso dire che anche la genetica rema nella giusta direzione, ora starà a Matteo dimostrare di essere all'altezza di questa importantissima opportunità per la sua carriera».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto in Costiera, addio al presidente del gattile di Trieste Giorgio Cociani

  • Malore in acqua al Pedocin, morto bagnante di 56 anni

  • Ubriaco spacca una bottiglia sul bancone del bar e aggredisce i colleghi: tassista triestino denunciato

  • Scomparsa nel 2019, il suo cadavere a Miramare sette mesi dopo: la vittima si chiamava Karin Furlan

  • Referendum: Trieste la provincia italiana con la più alta percentuale di no

  • Incidente in galleria Carso: quattro auto coinvolte e strada chiusa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento