menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pallacanestro Trieste ko in trasferta: ultimi due minuti fatali, Matera vince di uno al "Palasassi"

L'Alma-Agenzia per il Lavoro Trieste si arrende nel finale alla Bawer, con l'84-83 frutto di una gestione poco lucida nei minuti conclusivi da parte dei biancorossi

Una sconfitta che fa terribilmente male: si riassume così -  in poche parole -  il risultato del “PalaSassi” di Matera. L’Alma-Agenzia per il Lavoro Trieste si arrende nel finale alla Bawer, con l’84-83 frutto di una gestione poco lucida nei minuti conclusivi da parte dei biancorossi, avanti di nove punti a 120 secondi dalla fine ma più in generale costantemente in vantaggio lungo tutto il corso del match.

L’Alma si dimostra propositiva ed efficace in attacco già dalle prime battute: è 5-11 Trieste al 3’, dopo l’alley-oop sull’asse Nelson-Parks. Con un Lestini abile a infilare 8 punti in tre minuti, la Bawer si riavvicina successivamente con il 2/2 di Mastrangelo in lunetta dopo l’anti-sportivo sanzionato a Landi. E’ in questo modo che si materializza il -1 a metà di primo quarto (12-13), con i giuliani che successivamente riescono a servire efficacemente Parks in pitturato con due assist (uno a testa per Prandin e Bossi). Nuovamente Lestini (17 punti per lui nel solo primo quarto) permette ai padroni di casa di tornare in scia dell’Alma, pareggiando i conti proprio sulla sirena di primo quarto sul 23-23.

Il 4/4 di Parks in lunetta nei primi 60’’ di seconda frazione sembra indirizzare nel modo giusto l’inizio di periodo per Trieste: i biancorossi subiscono però un piccolo break di 5-0 con Chase e Lestini, trovando subito dopo il primo vantaggio della partita al 12’ (28-27). Con una maggiore presenza in area pitturata, gli ospiti hanno in Parks il terminale offensivo di maggior efficacia in questa fase della partita: sul +4 al 14’, Trieste conferma il proprio buon momento conquistando anche otto lunghezze di vantaggio (28-36) e, sfruttando la verve di Canavesi (due canestri di fila per lui), chiudendo alla pausa lunga con sei punti di gap (38-44).

Il 4-0 di break repentino alla ripresa del match consente all’Alma-Agenzia per il Lavoro di scappare sul +10 dopo un minuto, raggiungendo successivamente il 43-55 grazie alla “bomba” imbucata da Baldasso e da due punti in contropiede di Prandin. Sul lato lucano torna a segnare Hubalek, prendendosi carico di gran parte delle azioni offensive della Bawer (50-55), Trieste ha però in Pipitone e Pecile (quattro punti consecutivi per entrambi) i due migliori effettivi per andare anche sul +13 al 27’. L’Alma chiude con otto punti di vantaggio al 30’, accelerando sul 60-73 in apertura di ultimo periodo: ma, nonostante il +9 a due minuti dal termine (72-81) i biancorossi non riescono a mettere al sicuro il risultato, permettendo invece un incredibile ritorno di fiamma da parte dei padroni di casa. Dapprima l’8-0 di parziale Bawer (due conclusioni pesanti di Chase) regala il -1 ai lucani a 1’20’’ da giocare; Pecile fa 2/2 in lunetta (80-83) ma da quel momento in poi l’Alma non riuscirà più a segnare, subendo invece un ulteriore 4-0 di break con Hubalek e Corral, per il +1 interno a 20’’ dal termine. L’ultima azione offensiva è sfavorevole a Trieste, con la tripla frontale tentata da Prandin che si spegne sul primo ferro.


Bawer Matera-Alma Agenzia per il Lavoro Trieste 84-83 (23-23, 38-44, 58-66)

Bawer Matera: Chase 19, Mastrangelo 4, Corral 2, Cantagalli 9, Lestini 28, Dagostino ne, Bertocco, Loperfido ne, Zaharie, Hubalek 22. All.Ponticiello


Alma Agenzia per il Lavoro Trieste: Parks 22, Bossi 2, Coronica 2, Nelson 5, Pecile 18, Baldasso 5, Landi 3, Prandin 10, Pipitone 9, Canavesi 7. All.Dalmasson

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Brodo brustolà", antica ricetta della tradizione contadina triestina

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Report Iss, Riccardi: "In Fvg dati da zona gialla"

  • Cronaca

    Draghi approva il nuovo decreto: resta il coprifuoco alle 22

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento