rotate-mobile
Venerdì, 24 Giugno 2022
Una stagione strepitosa

Il lungo stop non influenza la Pallanuoto, battuta anche Palermo, continua il momento d'oro

“Abbiamo fatto un’ottima partita per tre tempi e mezzo - così l’allenatore Daniele Bettini a fine match - poi siamo calati, ma questi tre punti sono importantissimi". La squadra è sempre più terza. Prossimo match in casa dei campioni d'Italia

Una grande Pallanuoto Trieste prima domina, poi soffre nel finale, ma conquista una vittoria preziosissima nella corsa alle semifinali play-off. Nel primo turno del girone scudetto della serie A1 maschile, in una “Bruno Bianchi” riempita da 200 spettatori (capienza massima consentita) la squadra dello sponsor Samer & Co. Shipping ha battuto il Telimar Palermo per 13-12. Tre punti assolutamente meritati per la compagine alabardata, che ha toccato anche il +6 nel terzo periodo (11-5), per poi negli ultimi 3’ reggere con tutte le forze agli assalti dei siciliani, che grazie alle tante superiorità numeriche fischiate sono rientrati sul -1. “Abbiamo fatto un’ottima partita per tre tempi e mezzo - analizza l’allenatore Daniele Bettini a fine match - poi siamo calati, ma questi tre punti sono importantissimi. C’erano tante incognite, da quasi due mesi non giocavamo una gara di campionato, i ragazzi hanno affrontato questo impegno con l’atteggiamento giusto”. Trieste consolida così il terzo posto in classifica, portandosi a -2 dal Brescia fermato sul pari dall’Ortigia.

La cronaca: il primo tempo

Il primo vantaggio è degli ospiti che passano con l’americano Irving dopo 2’20’’, poi c’è solo Trieste. Mezzarobba e Bini in superiorità fanno 2-1, Razzi in controfuga mette dentro il 3-1 e Mladossich con una bordata dalla distanza realizza il 4-1. I padroni di casa macinano gioco anche nel secondo periodo. Oliva disinnesca due superiorità dei siciliani, poi Del Basso trova il 4-2. Trieste prova a dare un’altra spallata. Bini serve Inaba con l’uomo in più e arriva il 5-2, il giapponese si mette in proprio e da otto metri fulmina Nicosia per il 6-2. Mladossich scappa in controfuga e sigla anche il 7-2. A 44’’ dal cambio di campo Basic infila sotto l’incrocio il pallone del 7-3.

La seconda frazione

Trieste si esprime su alti livelli anche nel terzo periodo. Irving accorcia (7-4), Bini trova il varco giusto sul primo palo (8-4) e Podgornik spazio in mezzo ai difensori siciliani (9-4). Oliva salva una doppia inferiorità e Mezzarobba (preciso “alzo e tiro” da 6 metri) firma il 10-4. Marziali (10-5) e Nicosia (rigore parato a Razzi) tengono a galla gli ospiti, Buljubasic in superiorità spinge di nuovo Trieste al massimo vantaggio: 11-5. Allo scadere del periodo Vlahovic insacca l’11-6, preludio ad una finale da batticuore. Con tre pedine fondamentali (Mladossich, Mezzarobba e Buljubasic) fuori per falli, gli alabardati tremano. Il Telimar si riavvicina sul -3 con Basic, Inaba ricaccia indietro gli ospiti con la rete del 13-9 a 4’03’’ dal termine. Negli ultimi 3’ gli ospiti sfruttano tre superiorità e con Basic, Giliberti e Del Basso tornano sul 13-12 a 39’’ dalla fine. Trieste amministra il possesso e lascia solo 8’’ per l’ultima offensiva ospite, che però non riescono nemmeno ad andare al tiro. E alla sirena esplode l’esultanza di squadra e pubblico. “Iniziamo nel migliore dei modi questo girone scudetto - chiosa il direttore sportivo Andrea Brazzatti - bravi i ragazzi a restare concentrati che nei momenti difficili del match, bravo l’allenatore a gestire le troppe espulsioni che ci hanno fischiato oggi”. Sabato prossimo (26 febbraio) la Pallanuoto Trieste renderà visita all’An Brescia campione d’Italia in carica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il lungo stop non influenza la Pallanuoto, battuta anche Palermo, continua il momento d'oro

TriestePrima è in caricamento