Sport

Pesante sconfitta dell'Alma Pallacanestro Trieste, superata 83-63 dalla De' Longhi Treviso

La formazione giuliana con pesanti assenze (Green, Da Ros e con Bowers a mezzo servizio) è sovrastata fisicamente dai biancoblu trevigiani, sempre più vicini alla testa della classifica

La settima giornata del girone di ritorno del campionato di pallacanestro di serie A2 “Old Wild West” –  girone Est ha proposto per l’anticipo delle ore 12.00 l’incontro di cartello tra la De’ Longhi Basket Treviso e l’Alma Pallacanestro Trieste. Treviso lanciata in campionato con otto vittorie consecutive; Trieste, con le pesanti assenze di Green e Ros, alla ricerca di una vittoria esterna che manca ormai da due mesi. La partita si è chiusa 83-63 a favore della De’ Longhi, con la prima vera imbarcata triestina in questo campionato. Dopo un buon inizio di Trieste la De Longhi ha preso le misure della squadra biancorossa sovrastandola con una difesa che ha mandato fuori giri soprattutto i due registi Fernandez e Cavaliero (ben 12 le palle perse sulle complessive 20). In sala stampa un soddisfatto Pillastrini ha parlato del buon momento di fiducia della sua squadra, con una difesa efficace che dovrà essere mantenuta anche nelle prossime occasioni. C’è ancora tanto da lavorare perché, dopo aver recuperato in classifica, rimanere al vertice risulterà sempre più difficile. Per Dalmasson si è vista la qualità di Treviso, che aumenta di giorno in giorno. La mia squadra non è stata in grado di arginare Treviso che ci ha sovrastato fisicamente. A parziale giustificazione della sconfitta ha pesato l’assenza per gran parte della gara di tre elementi base del quintetto (Green, Da Ros indisponibili e Bowers nuovamente dolorante alla caviglia ed utilizzato per diciassette minuti). Ovviamente esaurito il Palaverde: 4988 spettatori con circa duecento tifosi giunti da Trieste. L’Alma parte con Fernandez, Janelidze, Prandin, Cavaliero e Cittadini; la De’ Longhi risponde con Brown; Musso, Imbrò, Fantinelli e Lombardi. Partenza positiva per l’Alma grazie ad un parziale di 6-0 con quattro punti iniziali di Cittadini ed il canestro da sotto di Prandin. Treviso rompe il ghiaccio con Lombardi ma Fernandez mette la tripla del +7 (2-9). Dopo i due punti di Musso i ragazzi di Dalmasson raggiungono la doppia cifra di vantaggio con la bomba di Janelidze e i due punti di Fernandez. La reazione di Treviso è immediata con un parziale di 10-0 con l’alley-oop del 14-14 di Antonutti per Lombardi che infiamma il Palaverde. Janelidze cerca di frenare l’inerzia della De’ Longhi ma Lombardi e Fantinelli producono i punti del primo vantaggio trevigiano. Swann fa 1 su 3 a cronometro fermo ma ci pensa Imbrò a trovare la tripla sulla prima sirena che chiude il primo parziale con Treviso avanti 22-18. Nel secondo quarto un paio di buone iniziative di Bowers non riescono però ad arginare i biancoazzurri implacabili dall’arco con Imbrò, Swann ed Antonutti (31-22). La tripla di Baldasso e i due punti di Bowers riducono il divario ma Treviso ritrova il vantaggio di 10 punti con i liberi di Sabatini e Fantinelli ed i due punti di Brown. È ancora Bowers a tenere in partita Trieste ma con la tripla di Swann Treviso chiude il secondo quarto avanti di 11 punti (35-46). Nel terzo quarto non cambia l’inerzia della partita anzi, alcuni minuti di black-out della formazione biancorossa consentono ad una De’ Longhi sempre più convinta dei propri mezzi, sia in difesa che in attaccco,  a volare sul +23 (60-37). La tripla di Fernandez chiude il parziale di 12-0 di una Treviso incontenibile per Trieste. Con i due punti di Janelidze si chiude il terzo quarto sul 43-62. Nell’ultimo quarto, per Trieste, due situazioni di canestro più libero supplementare non sono trasformate in gioco da tre punti da Baldasso e Prandin; chi trova i tre punti con regolarità è invece Swann che buca la retina da tutte le posizioni. Uno spento Cavaliero segna i primi punti dalla linea di carità dopo uno 0 su 5 al tiro ed otto palle perse.  Il parziale di 5-0 della coppia Swann-Brown sancisce la disfatta triestina (59-83): nei secondi finali Loschi e Schina per il definitivo 83-63.  Il tabellino parla di 14 punti di Bowers , seguito da Fernandez con 9. Per Treviso Swan ha chiuso con 27 punti (1 su 2 da 2 ed 8 su 10 dalla distanza). Salvo sorprese Trieste dovrà lasciare la testa della classifica alla Fortitudo Bologna. È il momento pertanto di riflettere sugli errori commessi e di ritrovare compattezza in vista del prossimo importante incontro casalingo con la Dinamica Mantova.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pesante sconfitta dell'Alma Pallacanestro Trieste, superata 83-63 dalla De' Longhi Treviso

TriestePrima è in caricamento