menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

" il Tormento e l'Estasi di Steve Jobs " da mercoledi' in Sala Bartoli

“Debutto nazionale a Trieste, il 6 febbraio alle 21.30 per Il tormento e l’estasi di Steve Jobs dello statunitense Mike Daisey, regia di Giampiero Solari, protagonista Fulvio Falzarano. Steve Jobs, icona del XXI secolo, ritratto fra luci e ombre...

"Debutto nazionale a Trieste, il 6 febbraio alle 21.30 per Il tormento e l'estasi di Steve Jobs dello statunitense Mike Daisey, regia di Giampiero Solari, protagonista Fulvio Falzarano. Steve Jobs, icona del XXI secolo, ritratto fra luci e ombre della sua Apple. Teatro che entra incisivamente nella contemporaneità: un testo che ha costretto sia Apple che l'autore a precisazioni e confronti. La nuova produzione del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia è in scena alla Sala Bartoli".

Steve Jobs: un'icona del XXI secolo. Il suo ingegno ha cambiato il mondo, nessuno è rimasto escluso - nella nostra civiltà - dall'estetica e dagli agi della sua tecnologia.

Di più: la sua utopia è stata determinante nell'immaginario collettivo.

Basta pensare al suo celebre discorso agli allievi della Stanford University: «Siate affamati. Siate folli» esortazioni a non omologarsi, ad osare, che dal 2005 continuano a rimbalzare sul web.

Come accade sempre per figure tanto straordinarie, anche quella di Jobs - e ancor più della sua Apple - presenta però dei lati oscuri e Mike Daisey, coraggioso drammaturgo americano, li evidenzia in un testo dinamico e acutamente critico.

Proprio questa chiave di critica, di pensiero, di attualità mordente interessa al Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia che dal 6 febbraio a Trieste, presenta in prima italiana il suo testo Il tormento e l'estasi di Steve Jobs affidato alla regia di Giampiero Solari e all'interpretazione di Fulvio Falzarano ( NELLA FOTO ).

Repliche fino al 24 febbraio al Politeama Rossetti di Trieste (Sala Bartoli) e poi in tournée nazionale (con un succedersi di date nei principali teatri italiani da ottobre 2013).
Un tipo di teatro, dunque, che si fa strumento di discussione viva e che ha suscitato notevoli reazioni polemiche: la Apple ha dovuto fare delle precisazioni dopo le prime repliche dello spettacolo negli Stati Uniti, ma anche Daisey si è visto costretto a dare conto di alcune sue "interpretazioni artistiche" non proprio rispondenti al vero, tanto che il suo testo continua tuttora ad essere aggiornato e dettagliato.

Grazie alla traduzione e all'adattamento di Enrico Luttmann e alla sensibilità di un regista come Giampiero Solari attento al contemporaneo e dalla commistione dei linguaggi (alterna un'intensa attività teatrale a quella di autore e regista televisivo di notevolissimo successo, suo ad esempio lo show di Fiorello Stasera pago io), che è rimasto conquistato dal progetto, Il tormento e l'estasi di Steve Jobs approda dunque alla scena italiana.

Al carisma di Fulvio Falzarano (già apprezzato in produzioni dello Stabile come La Rigenerazione sveviana e To be or not to be, per la regia di Calenda), il compito di farsi tramite delle riflessioni di Daisey, che intreccia la luminosa epopea di Jobs alla rivelazione del profilo inquietante e taciuto del "prezzo" pagato per quella tecnologia che ha cambiato il mondo.

Il regista e l'attore hanno lavorato proprio sull'equilibrio non scontato fra la condivisibile ammirazione per Jobs e Apple e la necessità di conoscerne anche i lati più discutibili. «Il teatro non giudica - sostiene Solari - ma offre sulla realtà un diverso, importante punto di vista».

Daisey è un convinto "seguace del culto di Mac": ripercorre entusiasta i traguardi di Jobs esternando - in un divertente contrappunto - le sue (e nostre) smanie per ogni nuova creazione con la "mela".

«Steve è stato bravissimo - scrive infatti - ci ha costretto ad aver bisogno di cose che non sospettavamo nemmeno di volere»: e così vai con i coloratissimi iPod, con gli iPhone, con la libertà assicurata dall'iPad... Libertà e purezza: l'attenzione al design e la tecnologia "alla portata di tutti" di Apple ci avevano forse illuso.

Dietro il successo però c'è altro. L'assemblaggio dei nostri preziosi computer avviene a Shenzen, in fabbriche dove non esistono tutela né diritti degli operai, dove piccole mani di dodicenni puliscono i vetri degli iPhone con una sostanza tossica che li condannerà a un invalidante tremore... Fabbriche dove in nome del profitto 430.000 operai sono trattati da "ingranaggio umano" e dove il problema dei suicidi dei lavoratori si è affrontato installando reti sotto i capannoni. La Apple può ignorarlo?

Daisey denuncia, non condanna: augurandosi forse che la consapevolezza collettiva faccia sì che quella mela che illumina i nostri oggetti più amati, possa un giorno non nascondere alcun marciume.

Il tormento e l'estasi di Steve Jobs
di Mike Daisey
tratto da "The Agony and Ecstasy of Steve Jobs"
di Mike Daisey
traduzione e adattamento di
Enrico Luttmann
con Fulvio Falzarano
regia Giampiero Solari
video di Cristina Redini
luci di Paolo Giovanazzi
produzione Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia

Debutto nazionale: mercoledì 6 febbraio 2013, ore 21.30 - Sala Bartoli del Politeama Rossetti




Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

"Paga per sbloccare il pacco": la nuova truffa via sms

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il Fvg resta in zona arancione

  • Cronaca

    Covid: quasi 5 mila controlli nell'ultima settimana, 37 le sanzioni

  • Cronaca

    In giro con coltello a serramanico: denunciato

  • Cronaca

    Ruba 170 euro di vestiti all'Ovs: denunciato

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento